Interventi contro lo smog, Jesi presa a modello

Nella foto l’assessore all’Ambiente Cinzia Napolitano e il Sindaco Massimo Bacci


JESI – Intervenendo mercoledì sera in Commissione Ambiente, la responsabile del servizio Qualità dell’Aria dell’Agenzia regionale per l’ambiente delle Marche (Arpam) ha espresso pubblicamente i complimenti a Jesi, sostenendo che “è l’unico Comune che ha fatto interventi contro le polveri sottili”, confidando poi di aver inviato in tempi non sospetti al sindaco Massimo Bacci una mail personale per esprimere apprezzamento per le ordinanze positive emesse negli ultimi tempi (riduzione dei gradi di riscaldamento domestico e industriale, divieto dell’uso dei caminetti a legna se l’abitazione ha altro impianto di riscaldamento, blocco dei vecchi diesel più inquinanti).

Basterebbe l’autorevolezza di chi, per professione, si occupa della qualità dell’aria per controbattere a quanti parlano di presunti interventi spot per limitare le polveri sottili.

Senza contare che, come puntualmente chiarito dall’Ufficio Ambiente della Regione Marche, il fatto che la centralina di Jesi abbia registrato più sforamenti in assoluto sui limiti massimi di Pm10 nel 2016 (dopo che erano state chiuse in diversi altri Comuni della provincia centraline che nel tempo fornivano dati ancor più preoccupanti), non è dettato dal fatto che nella nostra città la situazione sia peggiore rispetto alle altre. È viceversa critica allo stesso modo che su gran parte del territorio regionale, visto che, spiega tale Ufficio “il criterio che regola la distribuzione delle centraline sul territorio è la rappresentatività rispetto a situazioni analoghe. In altri termini, nelle Marche, si è ritenuto che le stazioni di traffico di Fano, via Monte Grappa ad Ancona, Jesi e San Benedetto rappresentino anche zone urbane analoghe, contigue a strade percorse da traffico intenso. Pertanto se alcune di queste registrano superamenti dei limiti, si può ragionevolmente ritenere che anche nelle altre zone analoghe quei limiti siano ugualmente superati”.

Ad ogni modo all’Amministrazione comunale non interessano sterili dibattiti e rilancia la propria sfida che è quella di investire su una mobilità sempre più sostenibile visto che proprio l’inquinamento del traffico veicolare è una delle cause scatenanti del diffondersi di polveri sottili. Proprio in questi giorni trovano centralità scelte qualificanti in tal senso. A cominciare da sconti sull’abbonamento degli autobus per studenti e lavoratori, anche cercando di intercettare i finanziamenti che il Ministero dell’Ambiente si è impegnato a girare ai Comuni che attuano simili provvedimenti. C’è già stato un primo incontro con Conerobus, ora si stanno analizzando i costi per  capire come formalizzare le ulteriori particolari agevolazioni. Allo stesso tempo è imminente l’avvio dei lavori di realizzazione di nuove piste ciclabili in città per altri 5 chilometri che si collegano a quelli esistenti garantendo ancor meglio il tragitto casa-lavoro/scuola-casa. In aggiunta la condivisione del distretto cicloturistico della Vallesina dove Jesi coordina ben 17 Comuni animati dall’idea che attraverso bicicletta, nordic walking e cavallo si possa non solo valorizzare l’aria e l’ambiente, ma costruire importanti opportunità economiche.

Anche in considerazione di ciò l’Amministrazione comunale invita tutti i cittadini a partecipare alla “pedalata notturna” organizzata per venerdì 19 febbraio prossimo in occasione della giornata “M’illumino di meno” promossa a livello nazionale dalla popolare trasmissione di RadioRai Caterpillar che proprio lo scorso anno intervistò in diretta il sindaco Massimo Bacci complimentandosi per la scelta di avvalersi di bici elettriche in luogo delle auto blu per gli spostamenti istituzionali e di servizio degli amministratori e dei dipendenti comunali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*