Intervista a Michela Pergolini | Password Magazine
Festival Pergolesi

Intervista a Michela Pergolini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Nella foto, Michela Pergolini, candidata sindaco di Jesi per la Lega Nord

La candidata sindaco della Lega Nord Michela Pergolini commenta gli ultimi fatti che hanno interessato il movimento a livello nazionale: “Non mi sento toccata, sono una persona leale e onesta”. E spiega gli obiettivi del suo programma per la città.

Come nasce la Sua avventura politica?

“E’ iniziato tutto nel 2008, quando, quasi per caso, feci la tessera della Lega per la prima volta in Friuli. Entrai così in contatto con il referente regionale delle Marche, l’on. Paolini, il quale mi invitò a fare attività nel territorio per portare avanti le mie idee.
Fu in quel momento che intrapresi un vero e proprio percorso, magari con le incertezze di chi affrontava la politica per la prima volta ma pronta a dare un contributo positivo al movimento.  Ben presto arrivarono due banchi di prova, le elezioni europee e quelle regionali, che mi portarono a ricoprire i primi incarichi. Attualmente, sono alla guida del Gruppo Politico Femminile delle Marche e componente della Commissione regionale Pari Opportunità”.

Come ha accettato la candidatura a sindaco di Jesi?

“Inizialmentere ero un po’ preoccupata per la sfida che mi era stata assegnata – essendo la decisione ricaduta all’interno dello movimento stesso – ma comuque felice di poter dare una spinta in più alla partecipazione delle donne in politica, dimostrando che anche noi possiamo tentare di far qualcosa di positivo per la città, anche il minimo che sia”.

In politica, sì è mai sentita discriminata per il fatto di essere donna?

“No, non mi sono mai arrivati commenti negativi su questo”.

Lei è anche moglie e mamma. Qual’ è il segreto per combinare carriera politica e famiglia?

“Sicuramente, il sostegno e la collaborazione di mio marito e dei figli. Se “dietro un grande uomo c’è una grande donna”, come recita il detto, allora, in termini di pari opportunità, va riconosciuta anche la validità del contrario”.

Quali sono i problemi della città?

“La città è decaduta, sia a livello economico  che di decoro urbano. Va rivisto il bilancio – che attualmente presenta un grosso buco – e stabilire le priorità da cui ripartire”.

Su cosa si basa il vostro programma?

“Principalmente sulla comunicazione tra gli organi dell’Amministrazione comunale e la cittadinanza. Io credo che il Comune sia il punto di unione tra territorio e abitanti e che, pertanto, ne debba cogliere positività e malumori. Il  programma parla di riorganizzazione della macchina comunale, puntando sulla mobilità interna, e di maggiore dialogo con il cittadino attraverso un ufficio URP (ufficio relazioni con il pubblico) più presente e flessibile negli orari. Per la rinascita del centro storico, invece, occorrerebbe uno sportello specifico per lo snellimento delle pratiche burocratiche che consenta agli esercizi commerciali di aprire o gestire con più facilità le loro attività.

Altri obiettivi riguarderanno la sicurezza, da raggiungere attraverso un potenziamento delle polizia municipale o l’istituzione della figura del vigile di quartiere, e la distribuzione più equa dei servizi sociali: in un periodo di grande difficoltà economica come quello attuale, non possiamo più permetterci di sostenere le ondate migratorie ma dobbiamo riconoscere, nella distribuzione di assegni sociali e aiuti, una priorità alle famiglie del territorio piuttosto che agli stranieri, i quali dovrebbero invece essere guidati verso un migliore inserimento nella società e nel mondo del lavoro”.

Come commenta gli ultimi fatti che hanno riguardato la Lega a livello nazionale?

“La situazione è al vaglio della Magistratura e sarà questa a definire chi sono i responsabili di quanto accaduto. Ci tengo a precisare che il denaro pubblico – quello concesso dallo Stato come rimborso per le campagne elettorali e  sperperato da alcuni soggetti per scopi personali  – non è stato sottratto solo al cittadino ma, prima di tutto, ai militanti del Partito. Ed io, come tale, sono indignata. Per ciò che mi riguarda, io mi ritengo una persona onesta, leale e di sani principi e non mi sento toccata da questa faccenda, se non come militante”.

Ci sono state delle ripercussioni su di Lei?

“La sede di Jesi del Partito è stata imbrattata con le scritte “Lega Ladrona”. Ad ogni modo, rancori e avversità c’erano già a prescindere e non mi spiego bene il perché. Non credo che sia per la mancanza di consenso o affinità con il territorio visto che, alle elezioni regionali, la Lega ha ottenuto un 3,5% da Jesi, il che non è poco”.

Cosa si aspetta da queste elezioni?

“Ovviamente, vista la situazione, non mi aspetto la vittoria ma punto almeno al Consiglio comunale per dimostrare e garantire quella trasparenza e quel controllo che mi contraddistingue”.

a cura di Chiara Cascio

© vietata la riproduzione dei testi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.