Intervista al poeta Riccardo Frolloni, oggi al Piccolo con la silloge “Corpo striato” | Password Magazine
banner fondazione

Intervista al poeta Riccardo Frolloni, oggi al Piccolo con la silloge “Corpo striato”

JESI – S’intitola “Corpo striato” (Industria&Letteratura 2021) il libro di poesia del maceratese Riccardo Frolloni che verrà presentato a Jesi questo pomeriggio (venerdì 29 ottobre) alle 18 al Teatro Il Piccolo in via San Giuseppe 27. In dialogo con Gilberto Marconi e Dino Mogianesi, si tratta del primo di una serie di eventi con giovani autori, organizzati da EdizioniGEI e dalla collana Grafie in collaborazione con la libreria jesina Incontri.

Classe ‘93, il poeta, nato a Macerata e laureatosi in Italianistica, ha pubblicato la sua prima plaquette “Languide Istantanee Polaroid” (Affinità Elettive 2014), vincitrice del premio Le Stanze del Tempo 2014 e finalista al premio Elena Violani Landi 2015. Ha tradotto “Sul non perdere le ceneri di mio padre” del canadese Richard Harrison (roundmidnight 2018), l’antologia degli scritti di Ron Padgett “Non praticare il cannibalismo” (De Vecchio 2021) e i testi di Frank O’Hara su rivista. È stato direttore del Centro di poesia contemporanea dell’Università di Bologna dal 2018 al 2020 e ha lavorato per la School of Continuing Studies dell’Università di Toronto come lettore e assistente. Oggi è insegnante di italiano e latino nei licei.

In quest’intervista all’autore, Riccardo Frolloni ci parla di “Corpo striato”, raccolta di trentaquattro poesie che si presentano come serie numerate in progressione, legate in un sistema interno dalla struttura narrativa e corredate da un apparato fotografico finale che ritrae amici del poeta e la montagna marchigiana, già presente nei suoi testi.

riccardo frolloni

Il libro si apre con una dedica “a mio padre morto.”, precisa, icastica, senza eufemismi. Un dolore che però non si ripiega in sé, ma diviene parola universale. Come queste poesie sono diventate di tutti?

«La situazione è sempre molto complessa perché si entra nel ruolo che ha l’arte, la quale sempre, volente e nolente, crea delle finzioni. Da autore ho la facoltà di poter gestire la vita di mio padre, e la vita in generale, con la scrittura. Resto sempre e comunque io il demiurgo, l’artefice di questo mondo e di queste vite. La dedica iniziale è quindi una sorta di titolo che smaschera subito il fulcro e che mi mette al centro dell’opera. Al contempo però parlo del padre che può essere di tutti, della morte dell’altro in senso assoluto, della persona che ho affianco. Ho cercato d’essere narrativo in senso lato, di raccontare la storia di chi muore e di chi rimane. Mantenendomi piano, evitando cioè un certo pathos che diventerebbe elemento di allontanamento».

Cos’è e cosa rappresenta Il corpo striato del titolo? Come si lega al movimento?

«Nello specifico il corpo striato è una parte del cervello, una delle più antiche che controlla i movimenti volontari e involontari. Nella morte c’è assenza di movimento, dunque il corpo striato diventa un organo inutile. Ma nel libro c’è anche il corpo fisico che si muove. Come quello di Nilla, donna malata di Parkinson che non può fermare il proprio movimento, per questa ferita al corpo striato: “la notte / non riesce a trattenersi, si muove, / il movimento/ che solo la morte può zittire (materiali V)” ».

In movimenti V scrivi “I primi a soccorrermi furono i poeti”. Che rapporto hai con gli altri poeti, di oggi e di ieri?

«Quando ho ricevuto la chiamata che mi ha informato della morte di mio padre, il rapporto con gli altri poeti per me è stato fondamentale. In parte il libro parla anche di questo, di come poesia e letteratura riflettano la vita. Scrivendo “i primi a soccorrermi furono i poeti” mi riferisco sia alla comunità dei poeti vivi con i quali ho una comune sensibilità, ma anche al grande aiuto che mi viene dalle parole dei poeti. Mi sono subito venuti in mente i versi dei poeti che avevano vissuto un’esperienza simile e che ne avevano scritto prima di me. Tutto il libro porta una riflessione sulla poesia perché in famiglia mi sono sempre sentito l’unico che ha questo istinto di parlare e riflettere in versi. Nei giorni del lutto mi ritrovavo privo di parole, ma al contempo ragionavo in versi».

In sogni VII scrivi “nel sogno ho come la sensazione che ci sia altro”. Qual è il ruolo del sogno nella silloge e nella tua poetica?

«Il sogno è stato forse il primo passo nell’elaborazione poetica dell’evento, non nel lutto. Vivevo giorni di grande confusione, una sorta di “calma follia”. Non ero ancora pronto per incontrare mio padre e per affrontare il lutto in senso stretto, ma nei giorni successivi alla sua scomparsa mio padre appariva nei miei sogni. E non parlava quasi mai. Il sogno è stato allora un motore dal grande potere poetico. Erano sogni simbolici in cui ogni cosa, nel momento della veglia, mi sembrava avesse un significato profondissimo. Il simbolo è un po’ come l’impronta, c’è e non c’è allo stesso tempo, è presenza e assenza. E nel sogno questo è contingente. Avevo bisogno di superare la realtà, così da com-prendere, prendere con me mio padre tramite il simbolo. Per certi versi sempre tramite la poesia».

Non manca il paese, nello specifico Sarnano. E non manca il dialetto…

«Ho un rapporto conflittuale col paese, sono fuggito, abito a Bologna da diversi anni. Ho allontanato anche la lingua del paese, ma me la sono ritrovata addosso. Non potevo esprimere alcuni racconti contenuti nel libro in altro modo che col dialetto, come quando parlo dell’amico di mio padre morto in moto. L’ha portato via “lo tristo”: in tal senso mi sembrava estremamente importante usare il dialetto, è un immaginario. E i personaggi sono tragici, ma sono anche numi tutelari che ci ricordano quanto il dolore ci affratella».

Nella prefazione si legge che la parole è crisma, riprendendo Nel magma di Mario Luzi. Il che rapporto è il tuo testo col suo?

«Nel magma è un’opera fondamentale da cui ho ripreso molto. Nel mio libro cerco di fare una sorta di affinità divergente. Il crisma è una sorta di battesimo, e il battesimo a sua volta è un passaggio. Dunque la parola della poesia è un passaggio dal non dire al dire. Nelle poesie mio padre dice poco. Quell’assenza di parola la ritrovo in me di fronte al lutto. Poi però la parola la scrivo, dunque la uso. Avviene così il passaggio dal mutismo e dal monologismo al dialogo con l’altro, che è anche il lettore».

Perché l’apparato fotografico?

«Sono fotografie in analogico in bianco e nero. Un mio amico poeta, vedendo le montagne che ritraggo in foto, ha detto di capire meglio le mie poesie. Aggiungere le immagini mi sembrava allora un atto estetico, come mettere delle quinte alle poesie per far capire meglio certi orizzonti».

Per partecipare all’iniziativa è obbligatoria la prenotazione tramite whatsapp ai numeri 3472240833 e 3355732286, o inviando una mail a grafie@gruppogei.it. Accesso con green pass.

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*