Intossicato dal monossido, salvato in tempo dai soccorsi

immagine di archivio

JESI – Intossicato dal monossido, viene strappato alla morte grazie all’intervento tempestivo dei soccorsi.
È accaduto in via Politi, nell’appartamento di un 55enne. I contorni della vicenda sono poco chiari: secondo quanto raccontato dai vicini, l’uomo avrebbe utilizzato della carbonella ardente per riscaldare l’appartamento. Poi si è steso sul letto, addormentandosi. Erano circa le 20, quando l’odore inconfondibile del fumo ha fatto scattare l’allarme nel vicinato: sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno permesso ai sanitari di introdursi all’interno dell’appartamento e mettere in salvo il 55enne, trovato a letto privo di sensi. Caricato a bordo di un’ambulanza della Croce Verde di Jesi, in supporto all’automedica, l’uomo è stato ossigenato e trasportato d’urgenza all’ospedale Carlo Urbani di Jesi dove ha ripreso i sensi. Se i soccorsi fossero arrivati probabilmente appena qualche minuto dopo, per il 55enne non ci sarebbero state speranze. Per lui, è stata disposta la terapia iperbarica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*