"Io obietto": successo di pubblico allo spettacolo a favore della legge 194 | | Password Magazine

“Io obietto”: successo di pubblico allo spettacolo a favore della legge 194

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI  – Numerosa affluenza ieri sera allo spettacolo “Io Obietto”  a Palazzo dei Convegni a Jesi.

Un tema caldo e attuale quello della legge a favore dell’interruzione volontaria di gravidanza in Italia, interpretata in modo superbo dalle quattro attrici in scena sul palco: Chiara David, Natalia Magni, Laura Nardi e Valentina Valsania.

Una riflessione sul ruolo della Chiesa in uno stato che si proclama laico, ispirato alla storia vera di Valentina Milluzzo, incinta di due gemelli e morta di sepsi nell’Ospedale di Catania. Un caso di malasanità che poteva essere evitato, se i medici non fossero stati obiettori di coscienza.

In una città come Jesi, che conta il 100% dei medici obiettori e una sola ostetrica su quattro a favore della legge 194 del 1978, lo spettacolo è stato apprezzato e si è concluso con un fragoroso applauso che ha fatto addirittura risalire le quattro interpreti nuovamente sul palco per ringraziare.

Il monito delle organizzatrici, nelle parole di Mariantonietta Schiadá, è quello di continuare a lottare per l’effettiva e completa attuazione di una legge che 40 anni fa fu accolta da un referendum popolare.

Lo spettacolo di Elisabetta Canitano, ginecologa e attivista per i diritti delle donne, con la regia di Amandio Pinheiro, si replicherà questa sera al Teatro Melograno di Senigallia, ore 20:15.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.