Io sono l'opera: ecco i volti dei 39 jesini protagonisti della Stagione Lirica | Password Magazine
Festival Pergolesi

Io sono l’opera: ecco i volti dei 39 jesini protagonisti della Stagione Lirica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI Hanno risposto in 39 all’appello di Premiata Fonderia Creativa e Francesca Tilio: uomini e donne, di tutte le età, di Jesi e dintorni, hanno partecipato con entusiasmo alla campagna di comunicazione volta a promuovere il teatro di tradizione per la Fondazione Pergolesi Spontini.

«Io sono l’opera. L’opera lirica è parte di noi e della nostra città» è il titolo di questo interessante progetto fotografico, partito pochi mesi fa per il secondo anno di seguito: oggi sono stati presentati al Teatro Pergolesi i ritratti fotografici di tutti i partecipanti, e soprattutto sono stati svelati i volti dei testimonial della 53esima stagione lirica, in scena a partire dal mese di Ottobre.

“Un gioco in cui abbiamo invitato uomini e donne a giocare con l’obiettivo, a tirar fuori il loro temperamento, perché si sa: il teatro è finzione e realtà. Il teatro così entra nella città, e la città nel teatro”- racconta Simona Marini dell’ufficio stampa della Fondazione Pergolesi Spontini.

“Il genio va riconosciuto, e l’operazione di oggi è geniale, perché amplifica e valorizza il ruolo sociale del teatro. I cittadini sono diventati così protagonisti del patrimonio culturale della città” – commenta l’Assessore alla Cultura Luca Butini.

Io sono l’Opera_Lirica Jesi_conferenza stampa

Una buona occasione per far vivere ed immedesimare i futuri spettatori di questa inedita stagione teatrale, come nelle parole del Direttore del Teatro Lucia Chiatti e del Direttore artistico Cristian Carrara: “Pur lavorando da molti anni a teatro, da quando è iniziata questa strategia di comunicazione mi emoziono nel vedere volti jesini che hanno scommesso sul nostro progetto: quest’anno avremo un palinsesto diverso, e potrà essere un’occasione per loro per riscoprire il teatro, che non è una realtà distinta dal mondo di tutti i giorni”- spiega Lucia Chiatti- “Immedesimarsi nel personaggio, dargli un volto, annulla le distanze tra palco e platea, anche attingendo ad una proposta più variegata, più accessibile anche a chi non viene spesso a teatro”- prosegue Cristian Carrara.

Io sono l’Opera_Lirica Jesi_Manifesti

Nello specifico sono quattro donne e un uomo, selezionati a seguito della performance fotografica dell’artista Francesca Tilio, sono i protagonisti dei manifesti principali delle opere: il volto di Emma Paciotti è stato associato al dittico “Suite Italienne” e “Lesbina e Milo”, programmati per Sabato 17 e Domenica 18 Ottobre.

Gianfrancesco Mattioni è il volto che rappresenta l’opera di Sabato 7 e Domenica 8 Novembre “Notte per me luminosa”, mentre a rappresentare il musical “Cookies” di Domenica 27 Dicembre c’è il volto di Giorgia Verardini.

Maria Gentilucci è stata selezionata per il dittico “Il telefono” di Sabato 19 Dicembre e “La serva padrona” di Domenica 20 Dicembre, e infine Margherita Paoloni rappresenta il CircOpera “Sirket”, in programma da Venerdì 27 a Domenica 29 Novembre.

Le foto sono state realizzate con il solo ausilio di luce naturale, un ventilatore e qualche fiore: “In questo tipo di operazione ho sentito di voler rappresentare quello stupore che si prova la prima volta che si entra in un teatro”- spiega l’artista Francesca Tilio– “tra i 39 partecipanti non tutti frequentano il teatro magari, hanno bisogno di essere solleticati, anche attraverso progetti così”.

Una contaminazione tra fotografia e grafica: questa la strategia di comunicazione del team di Premiata Fonderia Creativa. “Il compito della comunicazione è raccontare qualcosa: questo non racconta solo il titolo di un’opera, ma un’unione di intenti”-spiega il Direttore Creativo Graziano Giacani.

Tutti i partecipanti della performance saranno protagonisti della campagna promozionale della Stagione Lirica, via social e non solo: grazie all’associazione JesiCentro e a Digital, le vetrine degli esercizi commerciali della città che hanno aderito all’iniziativa ne esporranno un ritratto stampato su cartone f.to 42×42 cm.

“Il Centro Storico, anche in tempi di distanziamento sociale, si conferma fulcro sia commerciale che culturale, e sociale, della città, anche tramite queste iniziative” – afferma Marco Broglia, Presidente dell’Associazione Jesi Centro.

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.