“Io sto bene, spero anche di te”, il nuovo romanzo di Sergio Cardinali

JESI – C’è un mondo intero che pulsa nelle pagine di “Io sto bene, spero anche di te”. Edito da Planet Book, l’ultimo romanzo di Sergio Carinali ripercorre, prendendo le mosse dal carteggio epistolare tra due promessi sposi, la travagliata parabola del giovane Remo, soldato italiano di stanza in Montenegro durante la seconda guerra mondiale. C’è un mondo, quello del protagonista, che dal popolare rione di San Pietro in Jesi, popolato da personaggi straordinari quanto veri, si allarga e intreccia con quello più vasto e lontano del conflitto, sull’opposta sponda dell’Adriatico. Una narrazione avvincente, dove presente e passato si alternano con sapienza, grazie al collante di una scrittura scorrevole e di uno stile evocativo.

Un incrociarsi di destini, osservati da differenti punti di vista, spaziali e temporali: quello della Liliana di allora, in rassegnata attesa del suo uomo; di Remo, testimone e suo malgrado attore di un odioso copione; del figlio Roberto, divenuto custode di quella corrispondenza e dei suoi segreti. E ancora di Miladin e di sua madre Maruska, destinati alla deportazione e salvati dal milite jesino. Sullo sfondo, l’evolversi potente e drammatico della storia, non semplice cornice, ma enorme cassa di risonanza delle sofferenze umane. L’umanità che non si arrende all’imbarbarimento indotto dalla guerra e dalle sue ingiustizie ha i volti del partigiano Gojko, padre di Miladin, da un lato, e di Remo dall’altro. Il primo si ribella agli oppressori; il secondo, tornato a casa, si consumerà lentamente, corroso nel corpo dalle tribolazioni patite e nello spirito dall’ardere della propria coscienza. Perché, come scrive Primo Levi, “Solo chi era in grado di dimenticare riuscì a vivere a lungo. Quelli che erano dotati di una buona memoria morirono tutti”.

A cura di Marco Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*