Ipotesi biodigestore anche a Montemarciano, il Comitato No Jesi Pattumiera delle Marche insorge

JESI – «Dopo anni di “letargo” le amministrazioni comunali della provincia, facenti parte dell’ ATA di Ancona, viste le risorse messe a disposizione dal Ministero , si affannano e si rincorrono per realizzare sul territorio Provinciale un impianto per la produzione di Biometano da FORSU» così il Comitato No Jesi Pattumiera delle Marche a pochi giorni dal Consiglio comunale in cui si tratterà della realizzazione del biodigestore a Jesi.

«L’Amministrazione comunale di Jesi si appresta a votare in Consiglio Comunale l’ Atto d’indirizzo per autorizzare la realizzare sul nostro territorio di un impianto con una capacità di lavorazione di 60.000/70.000 Tonnellate annue – scrive il Comitato in una nota – Nel Consiglio Comunale aperto,  come Comitato abbiamo chiesto spiegazione sul perché un impianto di così grandi dimensioni verrebbe realizzato a Jesi in un territorio la cui popolazione è già sottoposta a indagine epidemiologica, perché, ci continuiamo a domandare, non si tiene conto, che altri Comuni, vedi Ancona, si sono dichiarati disponibili,  perché non si valuta che anche ad Ostra stanno iniziando i lavori per un impianto simile, ma di circa 30.000 tonnellate.

Infine, perché si vuole realizzare un impianto da 60.000/70.000  tonnellate quando la produzione media di rifiuti organici è oggi in Provincia di circa 50.000 tonnellate?».

«A tutti questi quesiti, come comitato non abbiamo ricevuto risposta, il Sindaco ci ha genericamente precisato che tutti i rifiuti dei Comuni finiranno nel nuovo impianto che avrà una gestione totalmente pubblica, quindi ad Ostra non finiranno i rifiuti di Osimo, Sirolo, Numana… che stanno realizzando l’impianto, ma i rifiuti che dovranno pervenire da fuori Regione».

E aggiunge: «Ora vorremmo capire, cosa pensa il Sindaco di Jesi e tutti i componenti dell’ ATA della possibilità di realizzare nel Comune di Montemarciano, in zona Gabella,  un impianto per la gestione della FORSU per una capacità di lavorazione di circa 50.000 Tonnellate logisticamente realizzato a ridosso dello svincolo dell’autostrada quindi ottimamente servito, baricentrico rispetto alle tre città più grandi Ancona, Senigallia, Jesi e in un area fuori dai confini dell’ AERCA.

Non possiamo immaginare che l’amministrazione jesina non sapesse di questo studio di fattibilità tecnico-economica, la cosa sarebbe gravissima , ma ancor più grave a nostro modesto parere è il fatto che se sapevano perché in Consiglio Comunale non si é detto niente?

Aspettiamo fiduciosi una risposta dell’ amministrazione , chiediamo un rinvio del Consiglio Comunale per votare l’atto d’indirizzo e invece chiediamo la convocazione di un Assemblea pubblica aperta da tenersi al palazzo dei Convegni, per poter discutere e approfondire anche questa nuova situazione».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*