IPSIA Moda, convegno e sfilata a Palazzo Pianetti

 

JESI – Originale apertura della nuova serie di Incontri di Storia dell’Arte a Palazzo Pianetti. Domenica prossima, infatti, sarà dato corpo al progetto speciale organizzato dalla Pinacoteca in collaborazione con l’I.I.S. Egisto Pieralisi di Jesi: in programma una conferenza dal titolo “Oltre lo zero. Omaggio a Malevic e a tutte le artiste delle avanguardie russe” dedicata all’artista del Suprematismo russo che sarà tenuta dalla professoressa Rosa Maria Albino e illustrata da una performance-sfilata degli abiti a tema realizzati dalle studentesse dell’Ipsia Moda di Jesi. L’incontro, curato da Annalisa Filonzi, critica d’arte e docente dell’Istituto, si svolgerà alle ore 18.00 nella Galleria degli Stucchi.

Kazimir Malevic, forse l’artista di statura più completa e complessa di tutta l’arte del Novecento, introdurrà il discorso sulla vitalità e la creatività delle avanguardie russe, un capitolo ancora tutto da riscoprire e da divulgare.

La vicinanza della data dell’8 marzo sarà anche l’occasione per andare alla scoperta del femminile presente nelle avanguardie e celebrare la presenza della massiccia militanza delle donne in questa corrente artistica. I modelli realizzati dalle studentesse del corso di moda dell’Istituto di Istruzione Superiore Pieralisi di Jesi sono ispirati alle opere di Malevic, pioniere dell’astrattismo geometrico e pensati per una donna intraprendente, con il bisogno di distinguersi dalla massa, amante di capi che donino sensualità ed eleganza a chi li indossa e appassionata di eventi mondani. La collezione che si potrà ammirare durante l’incontro di storia dell’arte deriva da uno studio e un approfondimento specifici su cui le ragazze hanno lavorato tutto l’anno scolastico.

Il nuovo ciclo di incontri di storia dell’arte proseguirà mercoledì 8 marzo con una lezione dedicata a

un’artista donna, Marina Abramovich continuando  fino al 5 aprile con lezioni tenute da professionisti del settore su temi di natura storico artistica, con particolare attenzione al patrimonio marchigiano danneggiato dal sisma.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*