Italia Nostra e Archeoclub Jesi: «Che fine ha fatto il portone di Palazzo Mereghi?» | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Italia Nostra e Archeoclub Jesi: «Che fine ha fatto il portone di Palazzo Mereghi?»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Italia Nostra e Archeoclub di Jesi intervengono sulla scomparsa del massiccio portone di Palazzo Mereghi, sostituito dalla saracinesca di un’attività di ristorazione.

«Il palazzo Mereghi, costruito circa 150 anni fa – scriveva Vittorio Massaccesi, in un articolo pubblicato su  Voce del 23 gennaio 2022 – è considerato uno dei nostri edifici storico-nobiliari che godono di un valore estetico-urbanistico di indubbia attenzione. Eppure, in men che non si dica (o non so da quanto tempo) in forza del  recente cambio gestione del bar-ristorante-negozio, un portone ligneo storico è sparito e sostituito con  una incredibile saracinesca di rete metallica lucido-fiammante». E aggiungeva: «C’è da chiedersi che fine abbia fatto il vecchio portone: messo in qualche angolo sperduto o semplicemente distrutto?

La presidente della sezione jesina di Italia Nostra Costantina Marchegiani unitamente a Maria Cristina Locatelli, presidente di Archeoclub Jesi condividono l’accorato articolo di Massaccesi:

«Il portone era stato restaurato circa dodici anni fa da un’ottima falegnameria: infatti,  pur essendo stato tagliato, era stata mantenuta  la sua parte inferiore incernierata sul corpo principale in modo tale da non impedirne l’apertura, malgrado la presenza di una rampetta d’ingresso al bar. Quando il portone veniva chiuso, quindi, il fascione finale era abbassato ed esso compariva, pertanto, nella sua interezza – si legge in una nota congiunta — Nel 2009 era stato restaurato quasi contemporaneamente anche quello settecentesco della chiesa di San Niccolò, e i falegnami che avevano risanato il portone di Palazzo Mereghi si erano preoccupati di “accompagnare”, per quanto possibile, la tinta dell’uno a quella dell’altro, per ottenere un minimo di uniformità in due manufatti antichi tanto vicini e quasi speculari. Molti neppure si sono accorti della scomparsa del massiccio portone di Palazzo Mereghi; i più di noi, infatti,  hanno pensato ad un momentaneo spostamento dovuto alla ristrutturazione dei locali in questione. Ma, a questo punto, assodato il fatto che questa specie di vistosa quanto stridente grata è definitiva, ci si chiede il perchè di una manomissione tanto evidente quanto totalmente inutile.  Non c’era alcuna necessità di sacrificare il resistente portone ottocentesco per installare questa sorta di cancello.

Vorremmo anche sapere chi ha dato il permesso di realizzare una simile bruttura. Il nostro terzo interrogativo, la Soprintendenza ne è a conoscenza, dato che si tratta di arredo urbano e tutti noi sappiamo a quali vincoli il centro storico è sottoposto?

Queste domande esigono risposte che, al momento, non sappiamo darci.

Speriamo che nel frattempo, mentre la nostra attenzione è tutta concentrata su tale situazione. non scompaia qualche altro pezzo della nostra amata, vecchia, gloriosa città».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.