Italia verso l'arancione, altri due mesi di restrizioni | Password Magazine

Italia verso l’arancione, altri due mesi di restrizioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Quasi tutta Italia arancione dal prossimo fine settimana, con Lombardia e Sicilia che potrebbero diventare zone rosse.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto-legge che proroga lo stato di emergenza fino al 30 aprile.

Nella riunione Stato-Regioni di ieri, l’esecutivo ha illustrato la bozza del nuovo Dpcm valido dal 16 gennaio al 5 marzo 2021 che rinnova tutte le misure già in vigore a partire dal coprifuoco dalle 22 alle 5, le scuole superiori in didattica a distanza al 50% e l’inasprimento delle soglie per accedere alle zone con restrizioni, introdotte con il decreto approvato mercoledì.

Confermata la possibilità di visita a parenti e amici una sola volta al giorno fino ad un massimo di due persone (oltre ai minori di 14 anni conviventi e disabili) «all’interno della stessa Regione, in area gialla, e all’interno dello stesso Comune, in area arancione e in area rossa». Resta la deroga per gli spostamenti dai comuni con una popolazione non superiore ai 5mila abitanti, per una distanza non superiore ai 30 km e mai verso i capoluoghi di provincia.

Il divieto di spostamento tra le regioni, comprese quelle gialle, sarà in vigore fino al 15 febbraio.

Secondo quanto riporta ANSA «sul divieto della vendita da asporto per i bar dalle 18, fortemente criticato dalle Regioni».

Sì l’apertura dei musei, ma solo nelle regioni gialle e solo nei giorni feriali.

Gli impianti sciistici rimarranno chiusi fino al 15 febbraio.

Con il decreto viene anche introdotta la ‘zona bianca’, in cui le uniche restrizioni sono il distanziamento e l’uso della mascherina. Ma i parametri per entrarci – 3 settimane consecutive di incidenza di 50 casi ogni 100mila abitanti e un rischio basso – fanno sì che ci vorranno mesi prima che una regione possa trovarcisi.

Oggi ci sarà la pubblicazione del nuovo monitoraggio: in base ai dati, il ministero della Salute stabilirà, con una ordinanza, i «colori» delle regioni.

Con Rt 1 o con un livello di rischio ‘alto’ si va in arancione, con Rt a 1,25 in rosso. In base all’ultimo monitoraggio, con le modifiche introdotte dal decreto, solo 6 regioni rimarrebbero gialle: Abruzzo, Basilicata, Campania, Sardegna, Toscana e Valle d’Aosta. Tutte le altre rischiano l’arancione, con la Lombardia e la Sicilia molto probabilmente in zona rossa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.