Jack Gomez, Jesi, integrazione | Password Magazine
Lulù  

Jack Gomez, Jesi, integrazione: l’intervista

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto: Password

JESI – Non tutti i portieri – sia dilettanti che professionisti – possono dire di avere sul curriculum un clean sheet al Del Conero di Ancona. Jack Gomez sì. Da questa stagione, il portiere classe 2001 – nato a Jesi – difende i pali della Jesina, e in campionato, il torneo di Eccellenza appena concluso, lo ha fatto due volte su dieci incontri totali dei biancorossi.

Gomez però non è solo il promettente portiere di una squadra di livello nelle Marche, ma anche una cartina da tornasole dell’integrazione a Jesi, una città che spesso, sotto questo aspetto, si lascia trascinare più dalle chiacchiere che dai fatti. E Jack – che abbiamo incontrato al Carotti di Jesi – conferma proprio questa inversione di tendenza.

Come è andata quest’anno in campo? Soddisfatto della stagione? 

Si, ho giocato due partite e mi trovo molto bene con il gruppo, siamo molto affiatati. D’altronde per me Jesi è casa: qui ho fatto le giovanili, la Juniores. Avevo giocato un anno in Promozione (al Moie Vallesina, ndr) e questo mi ha aiutato a crescere, mi ha dato l’input per poter arrivare in una prima squadra. Quest’anno i compagni hanno trovato il modo per migliorarmi, per stimolarmi. Mi impegno sempre al massimo per stare al passo.

Da calciatore come hai vissuto l’assenza di pubblico negli stadi (considerando che a Jesi, storicamente, il pubblico è parte integrante del prestigio della maglia). 

La tifoseria fa parte della squadra, quando non c’è ne senti la mancanza. Però giocare senza tifosi mi ha permesso di concentrarmi di più sui dettagli e su alcune caratteristiche. Ad esempio, mi sono sentito più sicuro nel giocare con i piedi. Ho la mente più libera e poi, chiaramente, sento meglio le cose che si dicono in campo – con i tifosi, tante volte, senti molto anche quello che si dice fuori.

jack-gomez
Foto: Password

Hai mai dovuto affrontare episodi di razzismo quando sei in campo? Quest’anno, ma anche negli anni scorsi …

Può essere capitato in Promozione, prima del COVID, quando c’era ancora il pubblico negli stadi. Ma sinceramente non gli do peso, in campo o fuori può succedere di tutto. Penso che un insulto razzista, che so, mi dicono n****, per me è come se a qualcuno danno del basso, o del grasso. Sta a te focalizzarti nell’obiettivo e dare il meglio. Io non mi sono mai fatto prendere dal panico per queste cose, anche perché so che esiste, so che ci sono persone che hanno questa mentalità, ma è una cosa con cui bisogna conviverci: altrimenti, non andrai mai d’accordo con nessuno.

Qui a Jesi, a casa, non ho mai avuto problemi a farmi coinvolgere nelle cose, fin da quando sono piccolo ho sempre trovato una cerchia di persone che proponeva cose da fare insieme e mi sono sentito integrato fin da subito. Mi sento anche molto fortunato perché conoscendo come va spesso l’integrazione dei ragazzi di colore so che spesso non è facile.

Purtroppo avrai sentito del suicidio di Said Visin. Una delle parti della lettera (scritta da lui) che mi ha colpito è quando dice “peso di sguardi scettici”. Tu hai sentito questi sguardi mentre giocavi? 

Da piccolo nel settore giovanile l’ho sentito. lo sguardo delle persone può dire molte cose o vuol dire nulla. Io nella mia fanciullezza penso che mi sono riempito la testa di paranoie che magari non esistevano. Oppure c’erano e magari le persone pensavano veramente quello di cui mi preoccupavo.

Crescendo ho capito che questi pensieri devono passare in secondo luogo. Bisogna essere forti prima con se stessi e poi con gli altri.

010f040a6079e64891626cc32630841d9f4c1879a3
Foto Password

Se dovessi dare un parere sull’integrazione a Jesi che cosa diresti?

Mi sento di dire che ogni persona prima dimostra quello che vale al di fuori dell’aspetto fisico – poi gli altri agiscono di conseguenza. Io ho fatto le medie al Federico II e ho trovato in quel contesto gruppi di persone esuberanti che è normale che ti portino allo sbando. Non perché siano stranieri, ma perché hanno una mentalità diversa, hanno vissuto situazioni che li hanno portati ad essere così. Non è un discorso di colore della pelle, ma di contesto in cui la gente cresce.

La tokenizzazione è un fenomeno di cui si parla molto in Italia (un fenomeno per cui vengono inserite o integrate delle minoranze in un determinato contesto per evitare episodi di razzismo). Pensi che ci sia questa realtà in Italia?

Non credo. Io gioco a calcio, ho fatto un percorso e ho conosciuto delle persone che mi hanno aiutato e hanno riconosciuto un valore in me. Potrebbe succedere, certo, che qualcuno viene chiamato per fare numero o rappresentare. Ti dico: nel calcio ho giocato contro tante squadre e ho giocato tante partite in cui ero l’unico giocatore in campo.

Di recente l’attaccante dell’Inter Luaku ha detto che, nel razzismo, oggi, si è raggiunto “il massimo storico”. Tu pensi che in Italia si fa abbastanza per combattere il razzismo?

Per me il razzismo è una cosa che non puoi togliere dalla persona. Se uno ha una certa idea ed è cresciuto con quella è proprio difficile che questa persona vada a cambiare idea. Certo è possibile che questa persona sia stata segnata da un evento che potrebbe averla portata a pensare così. Magari ha subito una perdita, o una rapina da parte di persone di altre nazionalità e questo la porta a certe conclusioni.

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.