Jesi a luci rosse, in città un "quadrilatero dell'eros" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi a luci rosse, in città un “quadrilatero dell’eros”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto archivio

JESI – Prostituzione nel centro città, ad ogni ora del giorno. Un quartiere a luci rosse che da Porta Valle si estende alla Stazione con clienti che si annunciano a suon di clacson per attirare l’attenzione delle adescatrici. È il quadro descritto da Silvia Gregori, la consigliera comunale che, fermata recentemente a Porta Valle da un uomo che l’aveva scambiata per una prostituta, negli ultimi giorni ha ricevuto tantissime segnalazioni da parte di cittadini. «C’è un quadrilatero dell’ eros in città, compreso tra viale Trieste, via Giacomo Acqua, via XXIV Maggio e la zona di Porta Valle. Sono stati molti i residenti di quel quartiere che, appreso quanto mi era capitato, si sono rivolti a me per denunciare il degrado di quella zona. Mi hanno descritto questa zona di Jesi come una piccola Amsterdam dove c’è degrado e un giro di prostituzione con una clientela insospettabile».

La consigliera ha ricevuto anche delle foto che ritraggono ragazzine, forse minori, mentre salgono sulle auto, le stesse che le riportano lì dopo mezz’ora.

Proprio in via Gallodoro, la settimana scorsa, i carabinieri hanno pizzicato tre straniere mentre svolgevano attività di prostituzione: per loro è stato richiesto il foglio di via della città.

Secondo quanto hanno riportato i cittadini alla Gregori, a scendere in strada sarebbero donne nigeriane e romene:

«Per una donna, aggirarsi in questo quartiere da sola è diventato rischioso – spiega la Gregori – Purtroppo, ho il sospetto che ci sia anche un mercato sommerso che riguarda gli affitti concessi in quelle zone».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.