Jesi, addio a Luca Bernardi | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Jesi, addio a Luca Bernardi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si è spento all’età di 35 anni Luca Bernardi. È volato via la scorsa notte, esalando l’ultimo respiro da quel letto in cui era costretto dal 1999, a causa della Distrofia Muscolare di Duchenne.

Viveva attaccato a un respiratore Luca eppure non aveva mai smesso di amare la vita. Osservava tutto dallo schermo del suo computer, il suo sguardo sul mondo: eppure, non ha mai pensato di essere uno spettatore. Anzi Luca si era laureato in via telematica in Storia e Culture Europee, era autore di libri, coltivava i suoi interessi.

Appassionato di storia locale, dal 2015 era socio onorario dell’Ente Palio San Floriano. Nel 2018 il Comune di Jesi lo nomina cittadino benemerito.

Sempre dallo schermo di un pc, portava avanti le sue battaglie per i diritti dei disabili, con costanza e devozione.

Nel 2014 con Obiettivo Adicaf finalizzato al raggiungimento di un unico fondamentale obiettivo, l’Assistenza Domiciliare Indiretta: «perché noi disabili – diceva Luca – e i nostri immensi caregivers familiari ci meritiamo e dobbiamo avere una vita dignitosa come gli altri esseri umani, è un nostro diritto».

Il principale e vitale obiettivo per Luca era quello di garantire l’assistenza domiciliare indiretta per tutti i disabili minori, adulti e anziani: «Mi batterò fino alla fine per questo – aveva dichiarato a Password nella sua ultima intervista rilasciata il 6 marzo scorso- non mi arrenderò mai fino alla vittoria di questo obiettivo vitale. Noi disabili dobbiamo lottare uniti per i nostri diritti e vincere, insieme». Proprio questa primavera, Luca aveva scritto una lettera a Sergio Mattarella e al premier Mario Draghi per richiamare la loro attenzione sulle sue battaglie.

«Ciao Luca – sono le parole del sindaco Massimo Bacci – grazie per la straordinaria lezione di vita che ci hai dato!».

A cura di Chiara Cascio

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.