Jesi, Adriatica Condomini lancia il progetto di biblioteca diffusa 'Lascia, prendi un libro' | Password Magazine

Jesi, Adriatica Condomini lancia il progetto di biblioteca diffusa ‘Lascia, prendi un libro’

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
La titolare Cinzia Gismondi (Adriatica Condomini)

JESI – Una biblioteca diffusa per trasmettere cultura ai tempi del covid. Cinzia Gismondi, titolare di Adriatica Condomini, società cooperativa che si occupa di gestione condomini con sede a Jesi e ad Ancona, si è fatta promotrice in città di un’iniziativa di portata nazionale. Si chiama Lascia un libro, Prendi un libro ed ha come obiettivo la condivisione di libri. Grazie ad un angolo appositamente allestito in un luogo pubblico, la filosofia è quella di prendere un libro gratis e di lasciarne un altro per diffondere la cultura. Un libro, dopotutto, è utile sopratutto per chi in questi tempi si trova costretto a casa, solo, e magari ha pochi soldi da spendere in cultura.

Adriatica Condomini è riuscita in questi giorni ad allestire una prima biblioteca diffusa in città, grazie alla collaborazione del supermercato Coal di piazza Vesalio che per primo ha messo a disposizione una scaffalatura per ospitare i libri. «Questo è un punto di partenza, il progetto consiste nel creare una rete di biblioteche accolte in negozi e condomini – spiega la Gismondi -. Recuperando i libri e mettendoli in circolo gratuitamente, diamo inoltre una mano all’Ambiente e alla salvaguardia del nostro pianeta. Unica regola: per prendere un libro bisogna lasciarne un altro».
Inoltre, in un momento in cui il Coal di piazza Vesalio, a Jesi, non riusciva più a
gestire le continue telefonate per la spesa a domicilio, Adriatica Condomini si è offerta di dare un mano: «Abbiamo diffuso, anche attraverso i canali del Comune e del supermercato, i nostri contatti mail e cellulare. Ogni giorno, io e il mio staff, oltre a gestire il lavoro in smart working, dedichiamo ore per gestire le richieste e trasmetterle a chi preparerà poi il tutto». Un contributo solidale all’emergenza dunque da parte dell’azienda che ha deciso di mettere tempo e risorse gratuitamente a disposizione della comunità. «Stiamo anche promuovendo – conclude la Gismondi – una card di sconti per i nostri condomini,  da utilizzare all’interno di un circuito di negozi aderenti. Per questo, qualunque negozio o esercizio voglia entrare nella rete del risparmio come anche al progetto biblioteca diffusa, non deve fare altro che contattarci (mail: gestcondomini@libero.it)».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.