Jesi ai tempi del Coronavirus: strade vuote, file per la spesa, mascherine e distanze | | Password Magazine

Jesi ai tempi del Coronavirus: strade vuote, file per la spesa, mascherine e distanze

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Negozi chiusi, saracinesche abbassate, strade deserte. Così appaiono oggi i luoghi di sempre: la città di Jesi ma anche i centri abitati della Vallesina. In molti oggi, anche se non obbligati dal nuovo decreto di Conte, hanno comunque deciso comunque di non recarsi a lavoro. Si sta a casa, dunque, con la preoccupazione e la paura nel cuore.

«C’è un’atmosfera strana», racconta a Password la titolare di un negozio che a malincuore ha deciso oggi di non aprire. Tutto sembra spento e sottotono, quasi fosse il preludio di un’Italia resa agonizzante dal virus. Le persone oramai si incontrano quasi solo al supermercato, pur restando a un metro di distanza e con la mascherina.

«Fanno entrare poche persone alla volta, appena ne esce una ne entra un’altra, per non intasare le corsie» racconta una ragazza che stamattina si è recata in uno dei centri commerciali della città per fare la spesa. In farmacia, file fino a fuori con persone distanti almeno due metri l’uno dall’altro. In centro c’è chi tiene duro, andando a lavoro: si va con i guanti e con gli igienizzanti, si cerca di tenere il negozio disinfettato, si attende l’arrivo di un cliente con il sorriso.  Per dare ancora, magari, quel segnale di normalità che oggi manca. Da tempo sono chiuse le scuole, ora anche i centri sociali e ricreativi si fermano. Stop anche allo sport.


E che dire di un viale del Lavoro completamento senza traffico durante l’ora di punta? «Scene apocalittiche» dicono gli jesini. Eppure questo è solo il day after dopo il discorso di Conte e l’introduzione del nuovo decreto «State a casa». E ci saranno altri giorni così, fino al 3 aprile. Per ora, stiamo a casa. Cercando di restare concentrati sulla voglia di ripartire. Sul desiderio di un futuro, pieno di abbracci e strette di mano. In attesa che questo virus faccia un passo indietro. Ma prima, dobbiamo essere disposti a farne uno noi, indietro. Per la salute di tutti, per il bene del nostro Paese.

A cura di Chiara Cascio

1 Commento su Jesi ai tempi del Coronavirus: strade vuote, file per la spesa, mascherine e distanze

  1. Io capisco tutto specialmente la paura di rimanere senza viveri a casa ma quello che si vive all’interno dei supermercati è molto diverso dalla foto che avete pubblicato! La gente è da due settimane che compra senza sosta e fino ad oggi senza un minimo di rispetto per nessuno : né per loro è tanto meno per noi che ci lavoriamo! Io credo che sia ora di mettere un freno anche nei supermercati alimentari perché sta continuando ad un luogo d’incontro e per fare due chiacchiere ( perché è questo che accade fra le corsie dove nessuno li controlla) ! Si fanno entrare dalle 15/20 persone per volta quindi lo capite da soli che la tutela c’è ma fino ad un certo punto è poi a noi lavoratori chi lo dice che non stiamo mettendo a rischio la nostra salute e quella dei nostri familiari? C’è bisogno di mettere un freno alle aperture anche perché essendo quasi tutto chiuso vengono a passare il tempo li! Molti vengono tutti i giorni anche solo per una fila di pane e intanto incontra qualcuno e passa anche mezz’ora!!!!! Non c’è senso di responsabilità come tutti pensano anche in questi posti danno il meglio di loro in tutto! Meditate!!!🤦🏻‍♀️🤦🏻‍♀️

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.