Jesi, al via il progetto «I giovani e il tempo libero». | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Jesi, al via il progetto «I giovani e il tempo libero».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- È già partita la fase uno  del progetto «I giovani e il tempo libero» , voluto fortemente dall’Amministrazione comunale anche se non previsto dal programma di mandato e approvato in Consiglio comunale.

Il progetto è rivolto a i ragazzi dagli 11 ai 19 anni e a presentarlo questa mattina sono stati l’assessore ai Servizi sociali Marialuisa Quaglieri e l’assessore alle Politiche giovanili Marisa Campanelli unitamente al Presidente di Asp ambito 9 Matteo Marasca.

«Un progetto voluto in tempi non sospetti – afferma la Quaglieri- anche prima che emergessero quelle problematiche legate al mondo giovanile che si sono evidenziate non solo ne nostro territorio. All’inizio questo progetto prevede una mappatura per rilevare i bisogni e le esigenze dei giovani, poi dopo la fase di studio delle problematiche emerse, deve essere messo in atto con soluzioni che portino a diminuire il disagio».

Inoltre per l’assessore ai Servizi sociali è la sinergia con cui si è lavorato a questa iniziativa, con la stretta collaborazione tra assessorati e Asp . 

«Il progetto in considerazione è molto attuale viste le problematiche relative ai giovani che non sono esclusive di questo territorio ed è fondamentale la collaborazione di tutti – afferma l’assessore Campanelli, che oltre ad essere assessore è anche una nota psicoterapeuta cui non è sfuggito disagio psicologico dei ragazzi in questo periodo quasi post-pandemico – Un disagio che nasce da prima della pandemia ma il covid lo ha fortemente acutizzato. Ci sono molti casi di ragazzi con sindrome della capanna, i quali cioè non riescono più a relazionarsi con l’esterno. Si segnala inoltre un aumento dell’aggressività, di disturbi alimentari e abusi di sostanze».

La Campanelli si dice inoltre convinta che il covid lascerà delle problematiche di natura sociale molto evidenti che possono essere risolte solo tramite il diretto intervento delle istituzioni:

Tornando al progetto, il presidente Marasca ha suddiviso lo stesso in 2 fase: una di ricerca e indagine tramite questionari da compilare anche online su social attraverso la cooperativa Coostess; un’altra di attuazione di politiche di sostegno rivolte alla risoluzione di quei disagi emersi dall’indagine attraverso l’impiego di personale specializzato. «Una parte importante delle indagini svolte dalla Coostess per conto di Asp saranno rivolte a comprendere quali sono i luoghi di aggregazione- spiega Marasca- perché è poi li che si dovrà agire comprendendo il problema cercando di superarlo».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.