Jesi, antica sinagoga: prime ipotesi e mappa dei cunicoli | | Password Magazine
Banner4Baffi

Jesi, antica sinagoga: prime ipotesi e mappa dei cunicoli

JESI – Nei mesi scorsi vi abbiamo raccontato della nostra avventura all’interno dei sotterranei dell’antica sinagoga medievale, oggi al civico 4 di via Fiorenzuola. Un ambiente sotterraneo, quadrangolare, sulla cui parete nord ovest, da un ingresso ad arco ribassato, si diparte un cunicolo con volta a botte interamente rivestito in mattoni faccia a vista. Grazie ad una relazione tecnica, rielaborata dal CAI di Jesi, coinvolto nelle ricerche, ora possiamo offrire una descrizione più completa degli ambienti ispezionati. Il cunicolo degrada bruscamente verso il basso mediante una rapida scale in mattoni.

Bisogna usare molta cautela per scendere: poi in fondo alla scala si incrocia un altro cunicolo che si innesta perpendicolarmente al precedente con le stesse caratteristiche costruttive.  Il punto in cui i due cunicoli si incrociano è caratterizzato da un piccolo ambiente quadrato con una cupola.

A destra e di fronte, il cunicolo riprende per interrompersi immediatamente: la parete di fondo in entrambi i casi, è terreno non scavato. A mano sinistra il cunicolo prosegue verso il basso con rapidi gradini fino a un altro punto di incrocio caratterizzato come il precedente da un piccolo ambiente quadrato con volta circolari da questo punto il cunicolo riprende per interrompersi su tutti e tre i lati destro e sinistro in fronte.

Oltre al video e alle immagini che vi abbiamo mostrato, non resta che tirare le somme di quanto scoperto durante le operazioni di ricerca. A farlo sarà Giancarlo Goffi, autore, insieme a Fabio Galeazzi, del saggio “Brevi cenni riguardo agli israeliti nella città di Jesi”, nonché l’esperto-guida che è stato disponibile a guidarci, sin dall’inizio, in questo viaggio indietro nel tempo.

«Questo periodico, nella sua forma cartacea e digitale, ha dato ampio risalto ai lavori di ricerca condotti da me e Fabio Galeazzi  sulla storia dell’antico quartiere ebraico jesino sito in quella bellissima zona del centro storico situata tra v.lo Fiorenzuola e via Fiorenzuola. Per coloro che non sanno dove si trovino detti vicoli: stanno tra piazza Indipendenza, la piazza del Comune, e via Federico Conti, dove si esce quando si prende la scala mobile.                        Bene, dopo aver chiarito, almeno spero,  la collocazione del quartiere, visto che ancora in molti mi chiedono dove si trovino i suddetti vicoli, passiamo ai fatti: abbiamo compiuto due sopralluoghi nei cunicoli sotterranei del palazzo in cui si trovava la Sinagoga. Siamo scesi  con molta cautela in quanto vi è un punto della volta del cunicolo instabile tantè che ci siamo rivolti anche al gruppo speleologico del C.A.I. di Jesi e all’amico esperto in storia della religione ebraica Michael Levi. Il tutto è stato documentato dai video di Password Magazine.

Purtroppo non abbiamo trovato ciò che cercavamo, cioè qualcosa che risalisse al periodo in cui la Sinagoga era usata come luogo di culto (1535 – 1660 circa). Secondo Michael, la Sinagoga si doveva trovare in alto, no negli scantinati dove invece si sarebbe dovuta trovare la Mikvah, cioè un vasca per bagni rituali.

Sarebbe interessante poter entrare anche in un altro cunicolo situato sempre nello stesso palazzo, ma oggi chiuso con un muro di mattoni, ma data la precarietà degli equilibri dei palazzi storici si debbono chiedere vari permessi. Scritto  ciò posso confermare senza ombra di dubbio, dai documenti presenti nell’A.S.C.J (Archivio Storico Del Comune di Jesi),  che la sala della Sinagoga si trovava in via Fiorenzuola al n. 4. Anche l’amica dr.ssa Maria Cristina Zanotti ha condotto altre ricerche sull’argomento e sicuramente continuando tutti insieme con pazienza e costanza probabilmente troveremo qualcos’altro di interessante.

Prima mappa degli ambienti elaborata dal CAI.

Quello che posso chiedere è un minimo di collaborazione ai residenti del palazzo e dei palazzi attigui affinché ci permettano di entrare nelle loro abitazione per vedere se ci possono essere alcuni segni che, nonostante le varie ristrutturazioni fatte, possano risalire ai tempi in cui la Sinagoga era in uso.

Ringrazio Password Magazine per l’attenzione, gli speleologi del C.A.I. di Jesi per la collaborazione e sicurezza che ci hanno dato e a Michael Levi per la preziosa consulenza».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.