Jesi, assestamento del bilancio 2011 | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, assestamento del bilancio 2011

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Assestamento del bilancio 2011 nella seduta del Consiglio comunale di fine mese, indirizzi di bilancio 2012 in quella di dicembre. Definita la tempistica in ordine agli aspetti economico-finanziari del Comune di Jesi, diventati sempre più sensibili dopo le ultime finanziarie che hanno assestato colpi micidiali agli enti locali.

Nella seduta di lunedì 28, il Consiglio comunale sarà chiamato all’approvazione dell’assestamento di bilancio, adempimento obbligatorio per tutti i Comuni che giunge dopo un’attenta verifica sistematica di entrate e spese per aggiornare lo strumento finanziario rispetto alle previsioni di inizio anno. La rimodulzione dei vari capitoli che ricomprendono la diversa distribuzione delle risorse pubbliche consente alla Giunta di proporre un assestamento che si aggira intorno ai 730 mila euro senza procedere né a tagli dei servizi né ad inasprimento di tributi. Anzi, dai dati contabili, emerge un elemento di grande positività: l’ulteriore riduzione dell’indebitamento del Comune.

Per apprezzarne la portata si richiama alle recenti disposizioni di legge che impongono agli enti locali di ridurre progressivamente l’indebitamento nel prossimo triennio (2012-2014) dall’8 al 4%. Ebbene oggi il livello di indebitamento del Comune di Jesi, vale a dire la spesa che si sostiene per pagare gli interessi passivi in rapporto con le entrati correnti, si attesta al 3,07%, di gran lunga inferiore anche al più rigido parametro previsto nel 2014, nel rispetto di un’azione amministrativa che ha visto negli ultimi anni il Comune contrarre mutui per importi significativamente più ridotti rispetto a quelli che andavano in scadenza.

Ciò non toglie che il bilancio 2012 sarà caratterizzato da forti criticità in virtù delle finanziarie del precedente Governo che significano per Jesi ulteriori 6 milioni di euro in meno: 2 milioni per il taglio secco ai trasferimenti statali, altri 4 milioni per i cosiddetti “saldi”, vale a dire le risorse che devono essere recuperate tra nuove entrate o minori uscite sia di parte corrente sia in conto capitale.

In questo contesto il sindaco Fabiano Belcecchi sta proseguendo gli incontri con le parti sociali per illustrare la situazione finanziaria che si verrà a creare, sia per raccogliere suggerimenti al fine di predisporre un bilancio che sappia interpretare al meglio bisogni ed aspettative della città.

Dopo l’incontro con le organizzazioni sindacali dei giorni scorsi, domani pomeriggio (mercoledì 23) sarà la volta delle organizzazioni di categoria, e dunque Assindustria, Cgia e Cna, Confesercenti e Confcommercio. Resta confermato l’obiettivo dell’Amministrazione comunale di arrivare all’approvazione del bilancio di previsione entro il mese di gennaio 2012.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.