Jesi, 'bandiera' Rsi come ventaglio: gaffe della consigliera comunale | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, ‘bandiera’ Rsi come ventaglio: gaffe della consigliera comunale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si sventola con la bandiera della Repubblica Sociale Italiana durante una commissione consiliare online e il video fa il giro del web. Una gaffe quella commessa dalla consigliera comunale Chiara Cercaci , esponente del gruppo di maggioranza ‘Jesiamo’, immortalata in un paio di occasioni durante la diretta di ieri mentre afferra e agita contro il caldo quello che sembra il tappetino di un mouse (fonte ANSA) con impressi i colori di Rsi, tricolore e aquila nera.

Un dettaglio che non è sfuggito al gruppo all’opposizione Jesi in Comune: «Ad avercelo fatto notare sono stati alcuni cittadini che hanno seguito la diretta, anche per questo quanto accaduto è ancor più grave. Simbolo del regime esistito tra il 1943 e il 1945, voluto dalla Germania di Hitler e governato da Benito Mussolini è una chiara provocazione dell’estrema destra – si legge in una nota -. Non ci stupisce l’atteggiamento della consigliera Cercaci, che era già andata in brodo di giuggiole per la scritta fascista all’anagrafe cittadina, ma in quella maggioranza che si è sempre vantata di non avere colore politico non c’è davvero nessuno che ha un rigurgito democratico? Quella bandiera è un riferimento al fascismo che arriva nemmeno dieci giorni dopo la commemorazione della Liberazione di Jesi, il 20 luglio scorso. Occasione durante la quale si è anche avuta la faccia tosta di coinvolgere il presidente nazionale dell’Anpi, cui non mancheremo di rendere noto l’accaduto.  Adesso chiediamo provvedimenti, per un atteggiamento che comporta reato ma soprattutto chiediamo che i singoli consiglieri delle false liste civiche di maggioranza chiariscano alla città da che parte stanno, o le commemorazioni perdono di ogni valore e le chiacchiere vanno al vento».

L’Amministrazione comunale interviene prendendo distanze dal gesto: «La consigliera comunale Chiara Cercaci ha commesso un grave errore di cui si è resa immediatamente conto chiedendo scusa a tutti, in particolare ad una Amministrazione Comunale che è distante anni luce da qualsiasi ideologia o regime totalitario che hanno insanguinato l’Europa nel secolo scorso». Così il sindaco Massimo Bacci che aggiunge: «Ho chiesto al presidente del Consiglio comunale di invitare tutti i consiglieri di mantenere sempre comportamenti, toni e linguaggi coerenti con i valori democratici che sono i principi su cui si fonda lo Statuto del Comune di Jesi».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.