"Jesi Barocca": nella città di Pergolesi si respira il '700 | Password Magazine

“Jesi Barocca”: nella città di Pergolesi si respira il ‘700

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Jesi Barocca” è un nuovo progetto culturale integrato, in cui studio, promozione, produzione si saldano e si manifestano nel suo stesso logo: “nella città di Pergolesi si respira il ‘700”. Un ciclo di 17 appuntamenti tra incontri tematici, spettacoli, concerti e laboratori sulla Jesi barocca, a partire dal 1° di giugno a cura della fondazione Lanari, in collaborazione con Regione Marche, Assessorato alla Cultura del comune di Jesi, Accademia Società del Leone, Associazione Italia Nostra, Festival dell’Opera da Camera delle Marche, Teatro Lirico Sperimentale delle Marche e Rassegna internazionale di Musica sacra “Virgo Lauretana”.

Ad illustrare il programma alla stampa Gianni Gualdoni, direttore artistico e organizzativo della Fondazione Lanari, che, paragonando la città di Jesi ad un “prezioso scrigno del ‘700”, ha detto: “Pergolesi non è un seme, bensì un frutto, maturato in una città ricca, come quella di Jesi, piena di attività teatrali sin dal ‘600.”

Identificato l’ambito di pertinenza nel periodo barocco e valorizzando la rilevante impronta sei-settecentesca di Jesi, tuttora presente nel suo aspetto architettonico come nel suo patrimonio storico e culturale, il programma vuole aprire una finestra panoramica e una serie di stimoli di approfondimento su argomenti peculiari dell’epoca, che è origine dei caratteri e dei valori condivisi, formanti la nostra contemporaneità. Il Cartellone si articola tra incontri di studio, itinerari tematici, laboratori, corsi di formazione e alta specializzazione, intrecciati agli eventi del Festival dell’Opera da Camera delle Marche che ne esaltano il portato dei contenuti.

“Jesi città settecentesca” è il titolo filo conduttore dell’edizione 2017 di questo nuovo progetto culturale, che intende evidenziare il principale carattere identitario della Città e porlo al centro dell’attenzione come cornice ideale per la creazione di un polo produttivo e di studio specialistico sull’epoca, le sue idee, vicende, peculiarità. Basta una breve passeggiata che attraversi il centro storico, da Porta Marina fino all’addizionale urbanistica esterna di Borgo Terravecchia, l’attuale Corso Matteotti, e, nonostante le antiche memorie medievali e rinascimentali, si percepisce subito l’autentico volto di Jesi, che è in gran parte settecentesco. Tra palazzi nobiliari, chiese, teatri, conventi, ospedali, ovunque affiora il gusto e la personalità d’arte del periodo. Su tale raro sfondo il programma propone un inedito focus, sfaccettato e multidisciplinare, sull’identità storico-artistica di Jesi e del suo territorio di riferimento, che tuttora è viva nell’aspetto e nella memoria: in un’ottica di condivisione consapevole del ricco patrimonio culturale comune che costituisce, anche nella prospettiva di una sua valorizzazione e offerta quale significativo, prezioso, nuovo richiamo turistico mirato.

Si inizia il 1 giugno alle ore 18 con un percorso espositivo alla biblioteca comunale Planettiana, seguito da un incontro su “Domenico Valeri” a cura della storica dell’arte Sara Tassi (ore 21). Atteso l’appuntamento con la ricercatrice e storica dell’arte Maria Cristina Zannotti, dal titolo “Susanna e Cardolo: amori segreti e rivoluzionari tra i casati Mannelli e Pianetti” (22 giugno, ore 21). Infine da segnalare l’evento di chiusura il 15 luglio alle ore 21 con il “ballo a palazzo”, spettacolo di danza barocca per esperti e principianti, con ingresso gratuito per chi interviene in abito del ‘700.

Sede eccellente di tutti gli appuntamenti in programma è Palazzo Honorati: residenza d’epoca tra le più belle e raffinate della Città, di una famiglia delle più blasonate e potenti, oggi vera primizia nell’aprirsi solo per l’occasione al pubblico di Jesi Barocca.

Per maggiori informazioni: www.fondazionelanari.it

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.