Jesi, Camp di ginnastica artistica con Yuri Chechi al PalaTriccoli | | Password Magazine
Banner4Baffi

Jesi, Camp di ginnastica artistica con Yuri Chechi al PalaTriccoli

JESI – Anche quest’anno, dopo due anni di successi, approda a Jesi il “Camp” di ginnastica artistica nato dalla collaborazione tra l’imprenditore Daniele Crognaletti di Esitur ed il campione olimpico Yuri Chechi. Dal 23 luglio scorso al 29, il PalaTriccoli si trova ad ospitare una novantina di ginnasti di età compresa tra gli 8 e i 14 anni (per un buon 70% si tratta di ragazze, che è anche la percentuale a livello nazionale della partecipazione per questa età), provenienti da tutta Italia e non solo: anche da Svizzera e Usa. Tutti i partecipanti con le loro famiglie ed accompagnatori alloggeranno nelle stanze dell’albergo “Federico II”.

Il Palazzetto è stato allestito con travi, postazione per gli anelli, parallele, tappeti per attutire la caduta in tutta sicurezza, cavalline e tutto il necessario per dare la possibilità ai ragazzi di mettersi alla prova nelle specialità olimpiche: le 6 maschili e le 4 femminili. “In più – commenta Yuri Chechi – per il secondo anno facciamo praticare un’altra disciplina, il tappeto elastico, che dal 2000 è diventata specialità olimpica”.

Anche il Sindaco Bacci, che non è mancato all’incontro con la stampa, ha espresso il suo coinvolgimento e la sua gratitudine per l’ideatore del progetto: “Credo sia una grande opportunità per Jesi, con un duplice obiettivo, quello di far conoscere la città, non solo a livello dello sport, ma anche per tutta l’arte e la cultura che ha da offrire, e poi ovviamente quello di dare ai tanti atleti delle nostre zone l’opportunità di sfruttare questa settimana per migliorarsi e crescere a livello sportivo, confrontandosi con un campione olimpico di spicco”. Yuri Chechi, che si definisce marchigiano di adozione, non ha perso l’occasione per ringraziare il Primo cittadino, e Daniele Crognaletti per la calda ospitalità: “Mi sono sentito accolto – ha detto – Jesi è una città all’avanguardia che fa dello sport un valore aggiunto”.

Nella giornata di ieri gli organizzatori hanno accompagnato atleti e collaboratori del Camp di ginnastica in visita al Museo Stupor Mundi, per dar loro un’idea della città anche dal punto di vista dell’arte e della cultura.

Dunque, se si ha voglia di vedere dal vivo il noto campione olimpico e di farsi un’idea di che cosa voglia dire “sacrifici e determinazione per lo sport”, il PalaTriccoli vi aspetta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.