Jesi capitale dell'agroalimentare: inaugurato il polo multimediale "Ime Experience" | | Password Magazine

Jesi capitale dell’agroalimentare: inaugurato il polo multimediale “Ime Experience”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Jesi, capitale dell’agroalimentare. A dirlo è Alberto Mazzoni, direttore dell’Istituto Marchigiano Tutela Vini (IMT) e ora anche dell’Ime Experience, il polo multimediale dell’Istituto marchigiano di Enogastronomia dedicato ai sapori e ai saperi delle Marche oggi al taglio del nastro. Spazio alla didattica e all’esperienza sensoriale nelle 10 sezioni espositivo-multimediali disposte su tre piani di Palazzo Balleani a Jesi, in via Conti: si va dal vino ai prodotti agroalimentari DOP e IGP, dalle pratiche biologiche alle ricette tradizionali, agli aneddoti e alle storie della cultura enogastronomica marchigiana fino a culminare con una sala degustazione nella quale i visitatori potranno scegliere tra 40 vini e una varietà di prodotti alimentari.

Obiettivo dell’IME Experience è diventare non solo tappa turistica ma anche il punto di riferimento per
scuole, istituti alberghieri, imprese, ristoratori, organizzazioni ed enti, che avranno a disposizione anche
una cucina professionale di 170 mq attrezzata per corsi, con 12 postazioni.

Per visitare il palazzo, si prende in biglietteria una smart card al costo di 3 euro che dà accesso alle sale multimediali e ai piani superiori.

Nella sala polivalente si potrà scegliere se degustare uno o più dei 40 vini selezionati o se assaggiare il piatto tipico del giorno, ovviamente aggiungendo qualche euro, in base alle proprie disponibilità.

Presenti alla cerimonia di inaugurazione, anche il presidente della regione Marche Luca Ceriscioli, il sindaco di Jesi Massimo Bacci, il presidente del maxiconsorzio IMT Antonio Centocanti. Tra il pubblico, rappresentanti delle forze dell’ordine, politici, membri della Giunta, consiglieri comunali, imprenditori da tutte le Marche.

“Questo polo nasce in un’area del centro un tempo priva di vitalità e ora recuperata – ha detto il sindaco Bacci – Un punto strategico della città, i visitatori che arriveranno a Jesi, oltre al Museo Federico II Stupor Mundi e ai Musei Civici di Palazzo Pianetti, ora potranno fare tappa anche in questo luogo e conoscere attraverso Jesi le Marche. Un ulteriore input allo sviluppo del centro, le condizioni credo ci siano tutte”.

Jesi punto di incontro e sinergia tra territori. “Così si emerge insieme, uscendo dai campanilismi e conservando comunque quella frammentarietà che è una caratteristica della nostra Regione” ha detto Centocanti mentre per Ceriscioli: “Con questo progetto siamo di fronte a un parterre de roi dell’agroalimentare marchigiano. Ci sono i protagonisti di un comparto che – a partire dal vino – è riuscito a invertire la rotta dei campanilismi in favore di percorsi di aggregazione fondamentali in ottica di mercato e di internazionalizzazione. E la scelta di Jesi quale Polo agroalimentare – ha aggiunto Ceriscioli intervenuto all’inaugurazione – è preziosa perché è un punto centrale della nostra regione. Per il futuro serve lavorare sul prezzo attraverso il posizionamento del brand e la sua narrazione: lo ha fatto, bene, Acqualagna con il tartufo ma sono tanti i prodotti marchigiani in grado di imporsi”.

“Con IME Experience mettiamo a sistema una filiera, quella agroalimentare, che nel 2017 ha raggiunto un valore di export di 366 milioni di euro, con il solo vino a incidere per il 20%-ha detto Alberto Mazzoni, direttore di IME-Territorio, prodotti agroalimentari e cultura devono essere sempre più un asset strategico su cui puntare per rilanciare l’economia regionale. Da oggi abbiamo un polo per rappresentarli e promuoverli, attraverso una collaborazione multifiliera di produttori, enti, università e settore turistico”.

Il progetto è affidato all’Istituto Marchigiano di Enogastronomia, società formata da Istituto Marchigiano di Tutela Vini e Comune di Jesi, con il coinvolgimento di 14 soggetti: dal settore lattiero caseario, con la TreValli Cooperlat, al vino con il Consorzio Vini Piceni, dalle carni (BovinMarche e Fileni) ai cereali e alla pasta biologici di Con Marche Bio, dall’Associazione Maccheroncini di Campofilone Igp al Consorzio del Tartufo di Acqualagna e delle Marche, dal Consorzio Casciotta d’Urbino Dop al Consorzio Tutela Oliva Ascolana del Piceno Dop, fino ad Assam (Agenzia Servizi al Settore Agroalimentare delle Marche) con Qualità Marche (QM) e al Centro obiettivo di Ime Experience è diventare non solo tappa turistica ma anche il punto di riferimento i Bio) a cereali e pasta biologici di Con Marche Bio Agroalimentare San Benedetto del Tronto. Presenti anche l’Università Politecnica delle Marche ed Esitur Tour Operator.
Orari e ingresso IME Experience
Inverno: dal martedì alla domenica; 10:30-14:00, 17:00-20:00
Estate (dal 3° sabato di giugno alla 3° domenica di settembre inclusi: dal martedì alla domenica, orario continuato 10:30-20:00
Chiusura: tutti i lunedì eccetto festivi. Chiusure speciali: 1 gennaio, 22 settembre, 23-24-25 settembre
(pomeriggio), 24 dicembre (pomeriggio), 25 dicembre, 31 dicembre (pomeriggio).
Costo ingresso: 3,00 euro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.