Jesi, Caterpillar: incontro con l'euro parlamentare Eleonora Forenza | Password Magazine

Jesi, Caterpillar: incontro con l’euro parlamentare Eleonora Forenza

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Da mesi i lavoratori della Caterpillar sono in agitazione per difendere la loro professionalità e il loro posto di lavoro. È un impegno che si svolge su uno scenario globale, infatti la multinazionale americana ha presentato un piano di riorganizzazione (sic) produttiva che prevede la chiusura di alcuni stabilimenti in Europa e conseguentemente il ridimensionamento di altri, tra cui quello di Jesi.

Una vicenda emblematica dei tempi, in cui il capitale agisce a livello mondiale, e “ristruttura” alla ricerca di maggior profitto, finanziarizzandosi e, contemporaneamente, delocalizzando le attività industriali in aree più favorevoli dove pagare meno i lavoratori e garantire meno diritti.

Da mesi i lavoratori di Jesi hanno intrecciato contatti con quelli degli altri stabilimenti europei e già in diverse occasioni le loro delegazioni hanno partecipato a manifestazioni a Bruxelles. Fino ad ora i risultati lasciano dubbi e preoccupazioni. C’è un’articolata risoluzione del Parlamento Europeo, ricca di auspici ma lontana dal promuovere azioni immediate ed efficaci.

Intanto il territorio e le istituzioni locali non sembrano coscienti del pericolo immediato, ne reattive nel costruire impegni e reti di resistenza per difendere la fabbrica, il lavoro e un’altra Europa.

In fondo quando si parla di Europa la misura della sua efficacia sociale si vede dalla capacità di proporre un progetto di sviluppo e di lavoro, al contrario oggi la sua è un’azione piegata alle esigenze dei mercati e delle banche, soggetti che come la vicenda Caterpillar testimonia, non hanno patria, e fanno garrire solo la bandiera del profitto e dello sfruttamento.

Martedì 30 Maggio, Eleonora Forenza, europarlamentare di Rifondazione Comunista, incontrerà a Jesi i delegati della Caterpillar e parteciperà ad un volantinaggio ai cancelli, durante il cambio turno. Vuol essere un momento di vicinanza con questa lotta ma soprattutto un occasione di ascolto e di approfondimento per provare a rendere più efficace l’impegno nel parlamento europeo, insomma capire e fare per dare un contributo concreto alla lotta.

Comunicato da: Laboratorio Sinistra

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.