Jesi, cento candeline per nonna Giulia | Password Magazine

Jesi, cento candeline per nonna Giulia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sono 100 candeline per Giulia Clementucci, di Jesi, nata il 24 febbraio a Bolsena (VT). Oggi che è domenica avrebbe dovuto festeggiare questo traguardo in famiglia ma, purtroppo, le restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria vietano per il momento le grandi tavolate. Neanche il sindaco Massimo Bacci, positivo al covid, ha potuto farle visita come da consuetudine per i centenari e l’incontro è stato rimandato. A raccontarci di lei è il nipote, Cristiano Taviani: «Mia nonna è originaria di Bolsena, come mia madre e anche io sono nato lì 48 anni fa. Vedova dal 1988, quando è scomparso mio nonno Raniero, si è dedicata all’unica figlia e ai suoi due nipoti, ovvero me e mia sorella».

WhatsApp Image 2021-02-28 at 09.44.02
Nonna Giulia insieme alla figlia, con cui vive, in videochiamata con il sindaco di Bolsena.

Cristiano ricorda anche nonno Raniero, prigioniero dei nazisti durante la seconda guerra mondiale. «Era stato deportato a Dortmund e si è salvato perché amava la musica e suonava la fisarmonica per le truppe tedesche – spiega il nipote -. Nonna Giulia, nella sua vita, ha gestito insieme a lui un negozio di alimentari, proprio come sto facendo io adesso (Taviani gestisce il punto vendita Gusto Alternativo a Jesi, ndr). Si è occupata della famiglia e della terra che coltivavano. Quando nel 1996 è scomparsa anche mia sorella, lei si è avvicinata sempre di più alla nostra famiglia, anche quando abbiamo abitato in altre città per motivi di lavoro di mio padre. Nonna Giulia ora abita con i miei genitori qui a Jesi, da circa 6 anni, prima viveva comunque da sola a Bolsena. È stata una donna molto legata al suo paese, alle sue tradizioni, sempre illuminata dalla fede in Dio che ha trasmesso a tutti noi. In 100 anni di vita non ha mai messo piede in un ospedale tranne che per gli esami di routine!».
Il giorno del suo compleanno ha ricevuto comunque la videochiamata da parte del sindaco di Bolsena. E appena sarà possibile, la famiglia promette di organizzare una grande festa per questo traguardo di vita!

La redazione di Password si unisce agli auguri!

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.