Jesi Centro, i commercianti compatti: «No ai lavori in Corso Matteotti». | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi Centro, i commercianti compatti: «No ai lavori in Corso Matteotti».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «No ai lavori di restyling di Corso Matteotti». A parlare è l’associazione dei commercianti Jesi Centro che conta 100 attività e più di 400 famiglie coinvolte: «Siamo un’unica grande azienda, a tutti gli effetti – fa sapere il gruppo dei commercianti jesini – È tempo di fare chiarezza sulla posizione degli operatori sulla questione. Dopo un sondaggio nella nostra chat, in questo momento così drammatico l’associazione compatta ha gridato a gran voce il “No” all’inizio dei lavori».

Jesi Centro fa sapere di aver sempre adottato una politica costruttiva, di dialogo con l’Amministrazione Comunale e tutte quelle forze che volessero far vivere il centro storico, cuore pulsante della città.

«Negli ultimi anni abbiamo organizzato tanti eventi spesso compensando calendari poveri dell’Amministrazione Comunale – aggiunge l’associazione facendo riferimento anche a calendari di eventi come È…state a Jesi e È Natale a Jesi  – ma riguardo i lavori di rifacimento di Corso Matteotti un anno fa ci siamo seduti ad un tavolo di ascolto che programmava la partenza del cantiere per marzo 2020, ma le solite lungaggini hanno portato ai tempi di oggi. Insieme abbiamo concordato la figura di un tecnico esterno, una sorta di traduttore del gergo amministrativo che spiegasse l’iter del cantiere ai commercianti. Un facilitatore per noi e per l’Amministrazione Comunale».

restyling corso
Il progetto di restyling del Corso

Sin dall’inizio del lockdown con il bando in corso, Jesi Centro ha richiesto un incontro al Sindaco consapevole dell’evento drammatico e storico senza precedenti: «Non abbiamo fatto gesti eclatanti, ma abbiamo tenuto un profilo basso e collaborativo, evidenziando la gravità della situazione delle attività del centro.

Da subito abbiamo chiesto il rinvio dei lavori, non la rinuncia. Il sindaco Bacci ha preso tempo in attesa dell’evoluzione covid, ma l’iter burocratico del bando andava avanti lo stesso. A sorpresa l’ultimo incontro della settimana scorsa è stato duro e imbarazzante con una chiusura netta nei nostri confronti. Il Sindaco, con toni decisi, ha affermato che i cantieri partiranno al più presto per non andare incontro a problemi burocratici e amministrativi di bilancio per l’anno venturo. Nessuna apertura a discutere questa norma e tentare di trovarne una soluzione. Dopo tutto siamo in emergenza covid e molte cose come i mutui sono sospesi, regole ridiscusse e così via. Noi pensiamo da cittadini che qualsiasi norma debba essere regolata dal buon senso, soprattutto in questo momento straordinario. Dove sta il buon senso difronte alla richiesta di operatori commerciali e delle loro famiglie in difficoltà? L’unica apertura l’abbiamo avuta per un eventuale incontro con la ditta vincitrice su dove iniziare il cantiere, praticamente a giochi fatti.

E…state a Jesi foto rep
Uno scatto di E…state a Jesi. «Negli ultimi anni abbiamo organizzato tanti eventi spesso compensando calendari poveri dell’Amministrazione Comunale – ha dichiarato Jesi Centro – ‘È…state a Jesi’ ha portato vita al corso con la città coinvolta in eventi, giochi per le famiglie, aperitivi…il tutto autofinanziato e grazie al tempo rubato al nostro lavoro. Stessa cosa per ‘È Natale a Jesi’ dove tra mostre benefiche per le scuole jesine, flash mob indimenticabili ed eventi vari abbiamo acceso il centro nel vero senso della parola, visto l’autotassazione per le luminarie. Questo per fare la storia di come Jesi Centro ha cercato di costruire nei fatti con questa amministrazione»

Abbiamo implorato il Sindaco e la Giunta tutta ugualmente responsabile di rimandare al 2021, cercando di salvare le nostre attività e tanti posti di lavoro. Ci siamo sentiti abbandonati.  Vogliamo ridare un’atmosfera di normalità ad una città tanto provata, salvare la vasca per il corso per tutti quelli che non potranno permettersi una vacanza.  Perché questo accanimento nei nostri confronti?

Forse il motivo è politico e a noi, che non lo siamo, ci sfugge. È storia che i lavori delle piazze recentemente terminati hanno avuto tempi doppi, tripli rispetto a quelli preventivati denunciando un’inaffidabilità imbarazzante. Forse si teme di non finire in tempo per le prossime elezioni? La domanda è legittima. Speriamo ancora in un segnale dall’Amministrazione Comunale, ma se il Sindaco non ci aiuterà lo chiederemo al cuore degli jesini.

In questi giorni, leggendo i titoli dei giornali locali riguardo gli imminenti cantieri, tanti clienti increduli ci stanno offrendo la loro solidarietà e il loro aiuto; quella pacca sulla spalla che avremmo desiderato dall’Amministrazione Comunale. Siamo e saremo sempre disponibili a trovare una soluzione, ma da cittadini e non da sudditi».

IL SINDACO BACCI: «IMPEGNATI PER LA MIGLIORE SOLUZIONE MA OGGETTIVAMENTE COSÌ IL CORSO È IMPROPONIBILE»

Il sindaco Massimo Bacci si dice meravigliato delle dichiarazioni diffuse dall’associazione: «Come ribadito anche nell’ultima occasione, l’Amministrazione comunale è impegnata a trovare la migliore soluzione che contemperi l’interesse generale della città con le legittime aspettative degli operatori commerciali – replica – È fuor di dubbio che Corso Matteotti sia rimasto se non l’unico, quantomeno tra i pochi viali dei centri storici italiani nelle stesse condizioni in cui si trovava quando era libero l’accesso alle auto: una impietosa striscia di asfalto tra due marciapiedi scivolosi. Restituire piena dignità al Corso resta un obiettivo chiaro e preciso di questa legislatura, con la quale ci siamo presentati davanti ai cittadini per continuare un’esperienza amministrativa che ha permesso a Jesi un oggettivo cambio di passo ed una attrattiva – solo per restare al centro storico – che ha dato vivibilità e vivacità ad una zona che, come ben ricorderanno tutti, stava morendo. Non siamo e non saremo mai contro gli operatori commerciali. Siamo viceversa con chi crede in una città migliore, in un centro vivo e aggregante, in una comunità che sappia cogliere le opportunità del cambiamento per ripensare se stessa, migliorarla, renderla inclusiva in nome di salute, qualità della vita e ambiente».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.