Jesi, Cinque Stelle: "Tante idee in attesa di un alfiere" | | Password Magazine
Lulù  

Jesi, Cinque Stelle: “Tante idee in attesa di un alfiere”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

di Marco Torcoletti

JESI – Ascolto e partecipazione, sono le parole d’ordine del capogruppo in Consiglio Comunale del Movimento 5 Stelle, Massimo Gianangeli. Si parte da quanto fatto dai banchi di un’opposizione «faticosa, costante, puntuale, propositiva, intransigente. Sempre in cerca di convergenze politiche per trovare soluzioni». E aggiunge: «Nel 2012 avevamo detto che con il MoVimento 5 Stelle in Consiglio non entravano due consiglieri ma 40mila cittadini». Netto il giudizio su Bacci: «Ritengo che alle promesse di cambiamento non siano seguiti i fatti. Questa amministrazione si è distinta per incapacità di ascolto e partecipazione». Un esempio per tutti, secondo Gianangeli, proprio quello che l’attuale primo cittadino considera uno dei suoi fiori all’occhiello, ossia «un rigore di bilancio vuoto, fine a se stesso, condito di contraddizioni palesi e scelte che sono andate a favorire proposte e progetti lontani dalle priorità reali della gente; un vuoto di visione e di capacità propositiva». Alla domanda se sia ipotizzabile una sua candidatura a sindaco, risponde: «Con il gruppo abbiamo deciso di fare come 5 anni fa, cioè presentare tutt’insieme programma, lista dei candidati e candidato sindaco». E contro i personalismi a suo avviso imperanti, soprattutto in fase pre-elettorale, avverte: «Prima vengono le discussioni sulle idee, poi quelle pur importanti sulle persone». Già le persone, tra le quali proprio il Movimento jesino vanta una parlamentare: Donatella Agostinelli. Potrebbe essere lei la candidata? «Nel MoVimento 5 Stelle – chiarisce Gianangeli – chi viene eletto a fare il portavoce nelle istituzioni deve terminare il suo mandato e non può candidarsi per altri ruoli. La questione non si pone neanche». Nomi a parte, sulle priorità da affrontare, per il musicista ci sono il sociale e «le inefficienze dei Servizi Sanitari, con un Ospedale modello che si regge sulla buona volontà e sulla professionalità degli operatori». Poi tocca al lavoro, rispetto al quale il Comune potrebbe aiutare chi rischia per restare sul territorio: «Abbiamo una imprenditoria vivace – spiega Gianangeli riferendosi anche allo studio di Nomisma – e questa Amministrazione l’ha mortificata, affidando i cosiddetti piani di sviluppo in progress a soggetti esterni ed estranei al territorio». Ambiente, urbanistica, connettività, cultura, associazionismo, turismo: il cambiamento targato Cinque Stelle passa attraverso un approccio fondato sulla partecipazione, dopo il «fallimento dei partiti e dei sedicenti civici». Insomma, le idee ci sono e sono tante ma a mancare, per ora, è il volto di chi ne diverrà l’alfiere.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.