Jesi, città accessibile a tutti | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, città accessibile a tutti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’abbattimento delle barriere architettoniche dovrà avvenire nel territorio comunale non più con iniziative isolate o estemporanee, ma con puntuali interventi previsti da un vero e proprio Piano operativo che contempli tanto gli edifici quanto gli spazi pubblici.

Lo ha deciso la Giunta comunale che, nella sua ultima seduta, ha approvato le linee guida per la redazione del Peba, acronimo che sta appunto per Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche. Nel rispetto delle disposizioni di legge e della apposita mozione approvata dal Consiglio comunale in materia, la Giunta ha stabilito di realizzare il Piano attraverso cinque azioni: una prima classificazione e mappatura del patrimonio immobiliare e dei percorsi urbani, i susseguenti rilievi per verificare i nodi di conflitto sia fisico che sensoriale, la verifica e la standardizzazione delle informazioni raccolte, la redazione di schede specifiche di intervento ed infine la redazione di programmi annuali e triennali individuando tempi e risorse.

Per la realizzazione del Piano sarà costituito un apposito gruppo di lavoro che approfondirà gli aspetti tecnici, giuridici ed amministrativi, aprendo un confronto sia con professionisti in materia con le associazioni che operano nei confronti dei vari settori della disabilità.

“Dobbiamo rendere consapevole l’opinione pubblica – sottolinea il documento approvato dalla Giunta – che la pianificazione degli interventi per una città accessibile a tutti, sia dal punto di vista fisico che psicosensoriale, è un problema tecnico urbanistico oltre che una questione culturale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.