Banner Aprile IH Victoria

Jesi, città Regia: la Condanna all’oblio fece sparire tutti i documenti dell’Imperatore

JESI – Jesi, regia: i documenti probatori della concessione del titolo alla città da parte di Federico II ci sarebbero stati ma sarebbero stati fatti sparire per una damnatio memoriae, la condanna da parte della Chiesa alla cancellazione di qualsiasi traccia dell’Imperatore a Jesi, quasi come non fosse mai esistito. È l’ipotesi suggerita dal prof. Antonio Ramini, durante l’incontro di questa sera sul tema “Jesi Città Regia”, promosso dal Comune, presso una gremita Chiesa di San Nicoló, introdotto dal presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi e con l’intervento dell’assessore alla Cultura Luca Butini.

La tesi sostenuta dal professor Ramini si basa sugli studi di Antonio Gianandrea, illustre studioso del XIX secolo, allora professore di Storia al Liceo Classico di Jesi e direttore dell’Archivio storico del Comune che arrivò alla medesima conclusione, ricostruendo le vicende storiche della città, dal Ristretto delle Historie di Pietro Grizio (XVI secolo) alla Carte Diplomatiche Jesine custodite nei Libri Rossi 1 e 2, che vanno dal 1163 al 1263.

«Come mai non esiste documento o certificazione storica negli archivi del Comune relativi a un avvenimento importante per la città come la nascita del figlio dell’Imperatore in una delle sue piazze? Possibile che nessun cronista dell’epoca abbia scritto nulla a riguardo?».

Mancano documenti anche del ritorno di Federico II a Jesi, così come narra la tradizione, nonostante il Gianandrea trovò traccia, negli archivi comunali, di un’antichissima via chiamata “regia o reale” che coincideva con il tratto che dal Montirozzo procedeva in direzione via degli Orefici, attraversando Porta Bersaglieri. Se si chiamava via reale è possibile che vi passò un Re.

Così come manca l’originale della lettera che nel 1239 Federico II scrisse a Jesi, chiamandola Betlemme, registrata agli atti della cancelleria imperiale, ricevuta dal Comune di Jesi ma sparita nel nulla. Damnatio Memoriae. La Condanna all’oblio inferta dal più grande nemico dell’Imperatore, la Chiesa. Si sarebbe salvato solo il privilegio di Re Enzo ma quello era necessario perchè sanciva il dominio di Jesi sul Contado.

«Nel 1944, il sindaco Pacifico Carotti, repubblicano, a seguito della Liberazione, deliberò la cancellazione del titolo – sostiene Ramini – Nel 2017 spetta a noi cittadini, al di là di qualsiasi interesse politico o economico, capire se e in che modo riappropriarcene con orgoglio e quando avremo il coraggio di ascoltare di nuovo queste parole: Tu, Betlemme…”.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.