Jesi, "città regia": un titolo per recuperare un valore | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, “città regia”: un titolo per recuperare un valore

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Restituire a Jesi il suo antico titolo di “città regia“: sarà uno dei temi su cui sarà chiamato presto ad esprimersi il Consiglio comunale, a seguito della mozione presentata dal presidente Daniele Massaccesi.

Obiettivo, riappropriarsi di una importante peculiarità che, se ben contestualizzata, dal punto di vista turistico e non solo, potrebbe essere utile a valorizzare anche tutte le eccellenze del territorio, costituendo uno stimolo a promuovere e valorizzare “una regalità proficua e costruttiva” ispirata alle nostre radici, per guardare con solide basi al futuro.

Graziano Giacani

Che sia dunque un primo passo verso il lancio di un nuovo brand per Jesi? Lo abbiamo chiesto a Graziano Giacani, ideatore del Brand Festival ed esperto in materia: «Ripristinare il titolo di città regia è sicuramente un’operazione legittima per recuperare un valore capace non solo di rievocare un periodo storico legato a Federico II ma anche di adattarsi al contesto attuale, grazie anche alla presenza di attrattive come la recente apertura del Museo dedicato allo Stupor Mundi». Giacani che, per professione, si è trovato più volte a trattare e affrontare la questione dell’ identità di un territorio, come nel caso del recente San Savino Linking Festival, non esclude che l’acquisizione del titolo potrebbe configurarsi come un punto di partenza per lanciare un nuovo brand della città, capace di influire sui cittadini ma soprattutto su turisti e visitatori: «Tuttavia non basta il cambio di un nome per poter parlare di brand: sarà necessario attuare progressivamente una strategia concreta che abbracci l’intero “palinsesto” della città – spiega Giacani – Il titolo di “città regia”, nel suo valore storico, potrebbe comunque già funzionare come facilitatore a livello di comunicazione, uno strumento capace di suscitare interesse verso il territorio e valorizzarne le eccellenze».

Chiara Cascio

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.