Jesi, colpiscono le auto ferme al semaforo poi aggrediscono le forze dell'ordine: arrestati | Password Magazine
Banner-StudioGamma
studiogamma

Jesi, colpiscono le auto ferme al semaforo poi aggrediscono le forze dell’ordine: arrestati

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto di archivio

JESI – Ieri sera alle 22 circa la Volante del Commissariato di PS di Jesi è intervenuta in Viale della Vittoria dove era stata segnalata una coppia di uomini che approfittando delle soste imposte dai semafori colpivano le autovetture in transito.

Giunti sul posto, il personale del Commissariato si è trovato dinnanzi due uomini di nazionalità sudamericana e regolari sul territorio che, sotto l’effetto dell’alcol, davano in escandescenza aggredendo i passanti. E’ iniziato così un complesso intervento volto a placare i due aggressori  e che hanno visto sopraggiungere in ausilio anche una pattuglia dell’Arma dei Carabinieri. Al termine dell’intervento si è riuscito a sedare i due uomini che sono stati tratti in arresto e posti ai domiciliari, a disposizione del PM di turno e in attesa della direttissima fissata per lunedì mattina.

Durante l’operazione sia i pattuglianti che il Dirigente del Commissariato di Jesi, giunto sul posto, hanno riportato lesioni con guarigione in 8 giorni salvo complicazioni secondo il referto del Pronto Soccorso.

Il questore Capocasa ha voluto esprimere la sua vicinanza al personale della Polizia di Stato con un suo messaggio che di seguito riporta: «Aumentano le aggressioni alle forze di polizia che vivono un disagio e un rischio quotidiani. Sono particolarmente vicino alle donne agli uomini della Polizia di Stato e di tutte le Forze dell’ordine che operano con grande sacrificio, abnegazione e senso del dovere mettendo a repentaglio la loro incolumità per garantire e tutelare la sicurezza dei cittadini». A partire dal prossimo mese di gennaio il personale della Questura di Ancona sarà avviato alla formazione all’uso del teaser che consentirà in situazione come quelli della scorsa sera di evitare contatti diretti tra operatori aggressori, a tutela sia dei poliziotti che dei cittadini che si trovano talvolta coinvolti in risse e aggressioni loro malgrado.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.