Jesi, commemorazione e concerto per i 70 anni dalla Liberazione

JESI – Jesi si appresta a festeggiare i 70 anni della sua liberazione – avvenuta il 20 luglio 1944 – con un ricco programma di iniziative che si distribuiranno tra il tardo pomeriggio e la serata di domenica. Coinvolte le associazioni combattentistiche e d’arma, l’Anpi, ma anche i Bersaglieri e gli Alpini, protagonisti i primi della epica battaglia di Montegranale ed i secondi dell’ingresso nella Jesi liberata.

Proprio agli Alpini e alla lapide in via XX Settembre (angolo via del Molino) che ricorda l’entrata nella mattina del 20 luglio 1944 sarà dedicato il primo momento della giornata, alle 18.15, con la deposizione di una corona. Presente all’incontro anche una delegazione del Comune di Gorno, guidata dal sindaco: era infatti residente nella cittadina in provincia di Bergamo Giuseppe Riccardi, il primo alpino del battaglione “Piemonte” a mettere piede quel giorno a Jesi.

Alle 18.45 si costituirà poi l’ammassamento a Porta Valle con la formazione di un corteo che raggiungerà i giardini Orti Pace di via Setificio. Qui, di fronte al monumento al Bersagliere si terrà la celebrazione ufficiale con l’intervento del sindaco Massimo Bacci e di Corrado Fiorini, un superstite della battaglia di Montegranale.

Dopo cena, l’appuntamento è poi in pieno centro con la spettacolare sfilata della Fanfara dei Bersaglieri “La Marmora” di Jesi-Ostra lungo corso Matteotti (21.30) ed il carosello della stessa Fanfara in piazza della Repubblica. Qui brevi saluti delle autorità e la lettura di un bellissimo testo dedicato agli Alpini del battaglione “Piemonte” di Fernanda Traluci, una jesina che quel 20 luglio 1944 aveva appena 16 anni e vide i soldati entrare in città. Chiuderà la serata la corale “Brunella Maggiori” con canti patriottici e il concerto finale della Fanfara dei Bersaglieri.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*