Jesi, consegnati al Museo archeologico circa 1000 reperti storici recuperati dai carabinieri | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Jesi, consegnati al Museo archeologico circa 1000 reperti storici recuperati dai carabinieri

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Saranno in futuro oggetto di esposizione nel Museo Archeologico jesino gli oltre 1000 reperti storici sequestrati dal Nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale e consegnati al Comune di Jesi. I beni, recuperati grazie agli esiti di un’indagine conclusasi nel 2015 sotto la guida del Tenente Colonello Carmelo Grasso, sono stati restituiti alla Soprintendenza dei Beni Culturali e affidati ora ai Musei civici jesini affinché possano essere fruibili attraverso esposizioni periodiche.
Circa 300 i pezzi originali, gli altri invece riproduzioni comunque di valore, appartenenti ad un collezionista della Vallesina che custodiva i i reperti indebitamente e dunque sequestrati dai carabinieri attraverso un complesso lavoro di indagine.

20220201_122239
L’assessore alla Cultura Luca Butini insieme alla Direttrice Quarchioni
«Un’operazione lunga e partecipata sin dall’inizio. La sua particolarità è che ridefinisce il concetto di falso – spiega l’assessore alla Cultura Luca Butini -. Rispetto ad altre circostanze, in questa situazione anche l’oggetto riprodotto assume una sua dignità espositiva». Gli oggetti ‘falsi’, infatti, potranno acquisire una valenza didattico-educativa in progetti scolastici o comunque offrire ai visitatore l’esperienza di poter vedere un reperto ‘raro’, disponibile in originale solo in pochi e grandi musei. «I beni – prosegue l’assessore – sono stati sottoposti al vagli di periti che ne hanno definito la veridicità, poi si è avviato un lungo percorso amministrativo che consentirà finalmente la fruizione di questi reperti attraverso i Musei civici». La direttrice dei Musei civici Romina Quarchioni parla di triangolo virtuoso tra istituzioni: «Dopo il recupero avvenuto dai carabinieri, la Soprintendenza si è occupata dello studio e della catalogazione dei reperti, grazie al lavoro svolto da Tommaso Casci Ceccacci e da Maria Raffaella Ciuccarelli. Infine, è stata individuata la destinazione ideale, un museo archeologico che potrà renderli fruibili».
20220201_124134
20220201_123750
Si arricchisce così la sezione collezionismo del Museo archeologico cittadino: «Gli oggetti originali ci raccontano di varie epoche – spiega la direttrice Quarchioni -. Si va dalle selci del paleolitico, ad oggetti del neolitico e fino al V secolo DC. Oltre alle selci, abbiamo prodotti in ceramica e in pasta vitrea, buccheri  d’epoca etrusca, reperti in bronzo come armi e spade, reperti in argento e non solo monete ma anche monili molto belli». E i falsi? «Le riproduzioni raccontano comunque di una ricerca scientifica archeologica che è in grado di distinguere ciò che è autentico e datarlo da ciò che non lo è – prosegue la Quarchioni -. Questi oggetti possono essere riproduzioni di originali o ricreati da nuovo, essere attribuibili ad esempio alla mano di qualche falsario. Comunque è un genere presente nella storia dell’Arte e dunque siamo felici di arricchire così la nostra collezione. Naturalmente la scelta dei allestimento di questi reperti originali andrà soprattutto con il criterio tipologico estetico e didattico più che con quello di contestualizzazione storica. E, per quanto riguarda i falsi, abbiamo molti beni che sono a soggetto erotico e quindi forse meritano un’esposizione dedicata ripercorrendo la storia di questo tema che naturalmente nelle civiltà classiche avevano una rappresentazione non poco importante. Forse le prime mostre arriveranno già dalla prossima primavera ed estate».
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.