Jesi, Conte in città: «Scegliere chi propone un miglior modello di sviluppo» | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Jesi, Conte in città: «Scegliere chi propone un miglior modello di sviluppo»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- È stato un pomeriggio particolarmente movimentato quello di oggi nel centro storico cittadino. Oggi infatti è arrivato nella città regia il presidente del movimento 5 stelle Giuseppe Conte a sostegno della lista Jesi Respira per Lorenzo Fiordelmondo sindaco.

All’arrivo l’ex presidente del consiglio è stato accolto da numerosi sostenitori e anche da alcune decine di contestatori. Proprio quest’ultimi hanno costretto Conte, dopo una valutazione della sua scorta, a non entrare come da programma in piazza delle Monnighette. A questo punto l’avvocato pugliese si è concesso un caffè al Caffè Imperiale e successivamente, dopo sollecitazioni da parte degli organizzatori dell’evento all’Hemingway Cafè e la messa in sicurezza della zona da parte della scorta, si è potuto proseguire nella realizzazione dell’evento così come da copione.

Non ha fatto mancare la sua partecipazione, seppur in collegamento telematico, il candidato sindaco della Coalizione di centrosinistra Lorenzo Fiordelmondo.

 «La presenza di Giuseppe Conte da consistenza politica a ciò che abbiamo fatto in questa città. Abbiamo organizzato un progetto politico, con una chiara visione e un orizzonte ben definito. Abbiamo la necessità che la nostra città di trovi all’interno di una narrazione nazionale che possa essere fulcro di una reale agenda politica». 

Conte fa eco al candidato sindaco jesino: «Questo è un progetto politico e ciò significa che ha una identità e degli obiettivi per migliorare la città. Dobbiamo votare non per esprimere una preferenza per un volto conosciuto ma dobbiamo votare per un progetto.  Noi come Movimento Cinque Stelle possiamo commettere e commettiamo degli errori ma il nostro impegno è a tutela della collettività e le nostre decisioni sono ispirate dalla tutela del bene collettivo. Finché ci sarà il Movimento ci sarà sempre tensione a bene comune».

Va nello specifico il professore pugliese quando parla di bene comune, partendo dalla riflessione sulla Guerra in un Ucraina e arrivando a parlare di tematiche ambientali ed ecologiste.

«Bene comune è innanzitutto la Pace, senza pace non si va da nessuno parte. Per immaginare Jesi tra qualche anno c’è bisogno comunque di una svolta ecologica che possa favorire una reale e efficace transizione».

Infine l’invito dell’ex premier a scegliere il progetto che offra il miglior modello per la città e per l’Italia: «Voi quando mettete le crocette pensateci bene, cercate di capire e distinguere quali sono le persone e le liste che possono offrire il modello di sviluppo».

Anche durante l’intervento di Conte si sono levati segnali di protesta, che in alcuni momenti hanno contribuito ad alzare la tensione, che però poi si è abbassata con l’allontanamento volontario dei contestatori.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.