Jesi, controlli in corso: ecco gli edifici agibili | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Jesi, controlli in corso: ecco gli edifici agibili

JESI – Sono una decina i tecnici comunali impegnati anche oggi per le verifiche degli edifici pubblici dopo la nuova violenta scossa di terremoto. Un controllo scrupoloso disposto dal sindaco Massimo Bacci che domenica ha firmato un’ordinanza con la quale viene stabilito che tutte le strutture pubbliche dovranno restare rigorosamente chiuse fino a quando non vi sarà il via libera dei tecnici.

E così dopo i controlli di domenica che hanno riguardato viadotti, casa di riposo, palazzo della Signoria, palasport, teatro, Villa Borgognoni (tutti dichiarati agibili), oltre ai cimiteri comunali (agibile ad accezione di ascensori, chiesa e famedio), i sopralluoghi quest’oggi si sono concentrati sulle altre strutture.

Al termine del sopralluogo vi è stato il vertice con il sindaco Bacci per fare il punto della situazione. Sentite le relazioni dei tecnici, sono stati dichiarati agibili gli asili nido Girotondo, Oasi, Romero, 44 Gatti, Tita & Taby (gli asili, come noto, non dipendendo dal calendario scolastico regionale, riaprono mercoledì) e poi ancora il mercato, il tribunale (tranne la stanza della cancelleria), la scuola di musica, i musei (Palazzo Pianetti, Studio arti della stampa, Palazzo Colocci), le palestre non annesse alle scuole (palascherma, bocciodromo, palestre Carducci e Carbonari), le tribune dello stadio Carotti e del campo sportivo Cardinaletti. Riaperti gli ascensori al cimitero principale, chiusa la chiesa di San Marco per il distacco di frammenti di intonaco affrescato in entrambe le navate.

Mercoledì le operazioni di verifica continueranno nelle scuole dell’obbligo (scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di 1° grado) e relative palestre. Queste ultime resteranno chiuse in orario serale alle società sportive fino a nuova disposizione. Chiuse anche le palestre degli istituti superiori fino a quando i tecnici della Provincia non avranno dato il loro nulla osta. In tal senso sono in corso contatti tra Comune e Provincia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.