Jesi, crescita dei contagi: «Piccolo focolaio anche in Comune».  | Password Magazine

Jesi, crescita dei contagi: «Piccolo focolaio anche in Comune». 

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Aumentano i contagi a Jesi. Lo riporta il provvedimento che dispone da domani la zona arancione in città. «I dati del monitoraggio relativi a Jesi dimostrano un trend in crescita – si legge nell’ordinanza firmata dal sindaco Massimo Bacci -. E’ necessario adottare ogni misura idonea volta a contenere la diffusione del contagio in una situazione emergenziale in continua e preoccupante evoluzione, anche con riguardo alle zone di spontanea aggregazione delle persone, specie in considerazione del fatto che risulta in crescita sia il contagio tra gli adolescenti sia quello della fascia compresa tra i 45 ed i 60 anni». Sono una ventina le classi in isolamento in città per presenza di positivi e una decina i casi covid che riguardano la fascia d’età tra gli 11 e i 13 anni. Secondo quanto ha dichiarato il sindaco Massimo Bacci alle telecamere del Tg3 Marche, domani scatteranno controlli per la presenza di un «piccolo focolaio in Comune». 

A preoccupare le criticità al Carlo Urbani per l’altissimo numero di ricoverati Covid, dei carichi di lavoro oltre il limite da parte dei medici Usca impegnati nelle cure domiciliari.

Il dato aggiornato alla data odierna è di 375 positivi in città e 747 persone in quarantena.

«I servizi di controllo, finalizzati al rispetto delle norme per il contrasto alla diffusione del Covid-19, hanno evidenziato difficoltà che si riscontrano nel garantire il rispetto delle prescrizioni specie in quei contesti di forte aggregazione con numerose segnalazioni di assembramenti nei pressi delle attività che svolgono servizi di ristorazione, parchi e strutture sportive a disposizione del pubblico, in cui oltre a svolgere giochi
amatoriali di contatto si assembrano anche comitive di genitori e figli».

Ecco perché, spiega il sindaco nel provvedimento,  «risulta necessario prevedere interventi mirati sia sulle scuole che su ulteriori limitati ambiti della vita sociale in cui è maggiormente probabile il rischio di contagio in quanto momenti di forte socializzazione».

Il provvedimento scatterà domani ed avrà una durata di almeno una settimana, vale a dire fino a domenica 28, prorogabile nel caso in cui la curva dei contagi non dovesse registrare una decrescita: sono sospese le attività didattiche in presenza per scuole secondarie di 1° e 2° grado, possibilità per bar e ristoranti di effettuare esclusivamente il servizio di asporto e consegna a domicilio e chiusura di parchi e centri polivalenti, oltre che di mostre e musei. Consentito invece lo spostamento fuori Comune, nel limite comunque del territorio provinciale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.