Astralmusic

Jesi, criticità Ponte San Carlo: Binci (PD) presenta interpellanza

Astralmusic

JESI – Da lunedì 21 maggio, a seguito della verifica di stabilità strutturale, l’Amministrazione comunale ha istituito il divieto di transito a bus e mezzi pesanti (oltre 35 quintali) senza alcune eccezione sul Ponte San Carlo, via Marconi, zona Minonna.

«Il Ponte San Carlo lungo via Marconi rappresenta una delle più importanti infrastrutture per il collegamento viario della città di Jesi con la parte sud del territorio comunale, fra cui la frazione Minonna e lo svincolo della S.S. 76 Jesi centro – scrive Andrea Binci, consigliere comunale PD nell’interpellanza che presenterà durante il prossimo Consiglio – la struttura è stata costruita da molti anni; in sede di approvazione del piano delle OO.PP., nell’ambito del bilancio di previsione 2018, è stata proposta una sua manutenzione straordinaria, destinando alla stessa la somma di Euro 300.000,00, da finanziare con alienazioni o oneri di urbanizzazione».

Nell’interpellanza, Binci chiede quali provvedimenti ha inteso adottare l’Amministrazione Comunale o come intende trattare la questione relativa, alla luce delle criticità sopra indicate.

Il documento riporta che con delibera di C.C n. 30 del 19/02/18 si è provveduto ad effettuare una modifica tecnica del Piano delle OO.PP., al fine di permettere la richiesta di finanziamenti in base alla legge 205/2017 co. 853; nell’ambito di tale modifica si inserì il “Ripristino strutturale del Ponte San Carlo” per un importo complessivo di 4 mln di euro, di cui 3,7 mln sarebbero dovuti arrivare dal finanziamento richiesto: «Nel documento istruttorio della delibera sopra citata per il Ponte San Carlo si scrisse che “…è emerso che le condizioni generali dei materiali di costruzione non sono ottimali…”; nelle due sedute di Consiglio Comunale, in cui si è discusso del Piano delle OO.PP. e della sua modifica, non si è mai parlato di rischio per la sicurezza e la stabilità del Ponte San Carlo – aggiunge Binci – la richiesta di agevolazione per la ristrutturazione del Ponte San Carlo purtroppo non rientra tra quelle ammesse a finanziamento per la L. 205/17».

In data 16/04/18 il Prof Ing. Luigino Dezi consegnava la relazione finale sullo stato del Ponte San Carlo, in cui si riteneva urgente una limitazione del traffico e, per quanto riguarda la sicurezza nei confronti della vulnerabilità sismica, si consigliava l’Amministrazione Comunale di abbattere il ponte e  ricostruirlo, piuttosto che fare lavori di miglioramento della struttura: «Di questa grave situazione il Consiglio comunale non è stato tempestivamente informato nella seduta del 27/04/18 – puntualizza il consigliere comunale del PD – Con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 4/05/2018 l’Amministrazione Comunale, prendendo atto della situazione, disponeva entro 15 giorni il divieto di transito per i mezzi pesanti sopra a 35 q.li lungo il Ponte San Carlo, preferendolo all’istituzione di un senso unico alternato sulla via: tale provvedimento – sicuramente necessario – quando entrerà in vigore comporterà grosse ripercussioni sul traffico cittadino e sulla durata dello stesso sembra difficile fare delle previsioni».

 

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*