Jesi, da giorni attende il tampone. Ma è andato perso | Password Magazine

Jesi, da giorni attende il tampone. Ma è andato perso

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI – Adolescente a casa con la febbre ma l’esito del tampone non arriva. Il motivo? É andato perso.
Lo racconta la mamma di una studentessa jesina, dopo una settimana trascorsa nell’attesa di conoscere i risultati del test. «Lunedì mattina mia figlia si sveglia molto raffreddata e con un leggero mal di gola – spiega – Decido di tenerla a casa, anche perché non ha dormito neanche bene e non se la sente di andare a scuola» .

Viene intanto avvertito anche il medico di base, al quale si comunica anche la temperatura presa alla ragazza: 37.2.
Il medico giustamente dice di tenerlo aggiornato, specialmente se la temperatura fosse salita. Cosa che dopo poche ore è avvenuta, con la linea del termometro che segnava 38. A quel punto il medico invia la richiesta per tampone all’Asur.
«Martedì mi confermano l’appuntamento per effettuare il tampone il giorno seguente alle 16,30». In assenza di accertata positività, come confermato anche dal medico alla famiglia, i genitori avrebbero potuto continuare ad andare a lavoro, poiché su di loro non era scattato nessun provvedimento restrittivo da addurre a giustificazione.
Il tampone viene così effettuato mercoledì, come stabilito, e la famiglia riceve le disposizioni per controllare l’esito online entro la giornata di venerdì.
«Venerdì trascorre senza alcun esito trascritto online – racconta la donna -. Sabato mattina, dopo aver ricontrollato sul sito dell’Asur più e più volte, decidiamo di chiamare un numero rilasciato sul foglio consegnato, che avrebbe dovuto rispondere tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle 12 alle 13; non risponde nessuno, ma si attacca sempre una segreteria telefonica» ..
I genitori non sanno più cosa fare, alla ragazzina intanto passa anche febbre e sintomi, vorrebbe anzi tornare a scuola.
«L’ultima carta ce la giochiamo domenica mattina, dopo inutili, infinite e infruttuose telefonate. – prosegue la donna -Mio marito decide di recarsi personalmente al laboratorio analisi dell’ospedale di zona, dove apprende che il tampone di nostra figlia è stato perso».
Secondo quanto viene riferito all’uomo, l’inghippo potrebbe essere stato nella fase di scannerizzazione del tampone che, se non attribuibile a nessun paziente, finisce nel cestino.
L’operatore addetto si attiva per far effettuare alla ragazza un tampone rapido, in via del tutto eccezionale, visto che la domenica non si effettuano tamponi. Ma non è ancora finita: «A mio marito viene consegnato un tampone rapido e con questo va a prendere nostra figlia a casa, da dove si recano all’ambulatorio dove li attende un altro operatore. I due portano personalmente il tampone ad analizzare presso il laboratorio dell’ospedale.
Alle 15 circa tornano a casa per pranzare e dopo il caffè. Mio marito con una santa pazienza torna in ospedale per ritirare l’esito, che fortunatamente come si sperava era negativo».
Tornato a casa, è stata festeggiato l’agognato esito e …tutti vissero felici e perplessi. «A noi cittadini dicono di assumere un comportamento responsabile – conclude la donna -. Anche il sistema però non è infallibile e, a conti fatti, da un disservizio potevano scatenarsi nuovi contagi».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.