Jesi dice sì al biodigestore, approvato l’atto di indirizzo

JESI – Biodigestore, l’atto di indirizzo passa in un clima generale di protesta. Al momento del voto, i consiglieri comunali dei gruppi di opposizione Jesi in Comune, PD e Movimento 5 Stelle scelgono di uscire dall’aula, contestando il «metodo» con cui è stato convocato questo Consiglio – definito più volte ‘illegittimo’ – e il «fallimento della partecipazione». Come è noto, le minoranze non erano infatti d’accordo con la decisione della maggioranza, e in particolare, del presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi, di spostare la seduta dal 31 luglio al 3 agosto con proclami d’urgenza, dopo il necessario rinvio per i mancati tempi di consegna dell’atto in questione. «Consiglio comunale illegittimo e troppo poco tempo per studiare la pratica, vista l’introduzione nell’atto di novità mai discusse» avevano detto.

Durante il Consiglio in aula, le minoranze lanciano di nuovo l’accorato appello di rinviare la seduta a settembre ma viene respinta dalla maggioranza. Il presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi ricorda allora le scadenze imposte dall’ATA e la richiesta a Jesi di esprimere il proprio atto di indirizzo entro la fine del mese di luglio.
«Gli aspetti tecnici sono già stati trattati in modo esaustivo – interviene il sindaco Massimo Bacci -. Ciò che premeva più di tutti era comprendere se ci fossero rischi per la salute dei cittadini e per l’ambiente. Rassicurati che l’impianto di trattamento dell’organico, se fatto bene, non è pericoloso, siamo pronti per andare avanti». Tra le novità introdotte nel nuovo atto di indirizzo, oltre a una possibile localizzazione diversa dalla Coppetella, c’è anche quello della gestione privata per il 51% dell’impianto ma Bacci rassicura: «L’Amministrazione non ne perderà il controllo, il Comune resterà garante dell’intero percorso e il privato dovrà mettere a bando la vendita delle quote societarie. Impensabile però da questo punto di vista non affidarsi a dei professionisti». Sull’ipotesi del biodigestore a Montemarciano, Bacci aggiunge: «Alla fine sarà l’Autorità d’Ambito a decidere dove sorgerà l’impianto e quali saranno le sue dimensioni. Se l’Ata sceglierà Montemarciano piuttosto che Jesi voterò in tal senso». Sulla questione salute, l’assessore all’Ambiente Cinzia Napolitano ha anche reso noto che stanno per essere diffusi di dati epidemiologici tanto attesi.

Parole che comunque non rassicurano la minoranza. Claudia Lancioni del M5S si interroga «Perché tutta questa fretta? C’è qualcuno dietro a quel 51% che vuole accelerare?». Agnese Santarelli di Jesi in Comune parla di «una presa in giro», parole riprese poi anche dal suo capogruppo Francesco Coltorti mentre Samuele Animali ha insistito sulla illegittimità della sedutaPer Osvaldo Pirani, capogruppo del PD «nulla da contestare al biodigestore in sé ma non si approva il metodo di convocazione del Consiglio», concetto ribadito anche da Emanuela Marguccio dal suo ruolo di vice presidente del Consiglio comunale. A quel punto, al momento di votare, la minoranza esce dall’aula, ad eccezione di Silvia Gregori, Forza Italia, che pur avendo partecipato alla richiesta di rinviare la seduta, è favorevole al biodigestore e sostiene l’importanza di mandare avanti la pratica in quanto «la gestione dei rifiuti appartiene a una logica del futuro». Assente Marco Giampaoletti di Insieme Civico.

L’atto di indirizzo, contenente le condizioni affinché il biodigestore possa essere accolto sul territorio comunale, è stato approvato con 14 voti favorevoli su 14 votanti.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*