Jesi, divieto di accesso in centro per altri tre giovani responsabili di una rissa - Password Magazine

Festival Pergolesi

Jesi, divieto di accesso in centro per altri tre giovani responsabili di una rissa

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il personale del Commissariato P.S. di Jesi, impegnato nei servizi specifici “Anti Movida” del sabato sera, è intervenuto lo scorso 16 gennaio, alle ore 2.45, in quanto era stata segnalata una rissa nel centro di Jesi. A seguito delle attività investigative sono stati individuati alcuni giovani che si erano resi responsabili di gravi fatti nel centro storico della cittadina, in un momento di grande affluenza e in prossimità di locali pubblici , con diversi esercizi commerciali adibiti alla somministrazione di bevande e ristorazione.

In considerazione del notevole allarme procurato alla collettività, della particolare violenza dimostrata nell’occasione e della necessità di impedire la reiterazione di condotte simili, nei confronti dei responsabili, già deferiti all’A.G. per i reati di rissa, lesioni personali e violenza privata, il Questore di Ancona, a seguito di istruttoria della Divisione Anticrimine, ha emesso ulteriori tre provvedimenti D.Ac.Ur., nei riguardi di altrettanti giovani, con divieto per gli stessi di accedere, per un anno, nei seguenti luoghi cittadini: piazza delle Monnighette, Costa Mezzalancia, Costa Pastorina, via Roccabella, con contestuale divieto di stazionamento nelle immediate vicinanze degli stessi, individuati anche, in considerazione della mancanza, nell’area descritta, della presenza di attività pubbliche o private, necessarie al soddisfacimento di esigenze primarie altrimenti inderogabili alla medesima Piazza e frequentare e stazionare nei pressi di tutti gli esercizi commerciali siti in loco.

Ricordiamo che il DASPO urbano, rappresenta la misura di prevenzione più idonea a frenare i comportamenti pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica, che avvengano nei centri cittadini ed ha il fine precipuo di impedire in maniera prognostica la commissione di fatti reato.

Il Questore della provincia di Ancona: «Assicurare l’ordine e la sicurezza dei cittadini nei luoghi del vivere quotidiano, preservare la comunità da eventi violenti è la missione che gli Uomini e le Donne della Polizia di Stato svolgono costantemente con il loro operato al servizio del prossimo».

Con questi ulteriori provvedimenti salgono a n.6 i provvedimenti emessi dal Questore di Ancona per l’episodio del 16 gennaio scorso, che aveva destato particolare allarme sociale nella comunità jesina, testimoniato dal gran numero di telefonate di avventori dei locali siti in loco ed esercenti, per chiedere aiuto alle Forze dell’Ordine poi intervenute prontamente.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.