Jesi e il monumento alla Pace di Capo Nord, lettera aperta ai candidati sindaco - Password Magazine

Festival Pergolesi

Jesi e il monumento alla Pace di Capo Nord, lettera aperta ai candidati sindaco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Gabriele Fava, già sindaco nel 1986/87, e il gruppo di cittadini Quelli di Piazza delle Monnighette scrivono una lettera aperta ai candidati a sindaco della Città di Jesi

«Gentili candidati,
ci permettiamo di rivolgerci a Voi per narrare, in sintesi, una vicenda che riguarda la nostra Città e che, essendosi svolta molti anni or sono, probabilmente sfugge alla Vostre memorie giovanili, e presentarVi, inoltre, una proposta.
Nel 1986 due nostri concittadini, Massimo Bini e Franco Mancinelli, partono in macchina da Piazza della Repubblica diretti a Capo Nord, portando con sé oltre 250 lettere di alunni delle nostre scuole elementari destinate ai loro coetanei norvegesi e recanti messaggi e disegni di amicizia e di pace.
Giunti nella Cittadina di Honnisvag, la più a nord della Norvegia, consegnano le lettere al Sindaco Mathisen affinché le trasmetta agli alunni delle scuole locali. Così avviene. Bini e Mancinelli riportano a Jesi i numerosi messaggi di risposta dei bambini norvegesi che esprimono forti sentimenti di fratellanza.

L’anno successivo un intellettuale norvegese, Simon Flem Devold, probabilmente ispirato da quello scambio epistolare, avanza il proposito di realizzare a Capo Nord un monumento dedicato alla pace e a tutti i bambini della Terra. L’idea si definisce nel programma “Children of Earth” che prevede di scegliere 5 bambini, uno per ogni continente, per progettare e realizzare, ciascuno, una parte del monumento.
Il viaggio di Bini e Mancinelli produce un risultato davvero straordinario: per rappresentare l’Europa, infatti, la scelta cade su Gloria, scolara jesina che frequenta la classe VA della Scuola Mazzini.
Gloria prepara con entusiasmo il plastico del suo medaglione (alla fine saranno 7 i grandi medaglioni: 5 dei continenti, 1 riassuntivo e 1 dei bambini di Honnisvag) e nel 1987 vola in Norvegia per dare forma e dimensioni reali al suo bozzetto. Il monumento ancora oggi è lì, in cima all’Europa, e su un suo componente sono incisi il nome di Gloria e quello di Jesi.
Fin qui il capitolo di storia della nostra Città, in ragione del quale avanziamo una proposta: quella di farVi interpreti di una iniziativa di pace, promuovendo una conferenza online con i Sindaci delle 6 città mondiali di provenienza di quei bambini di Capo Nord. Essa ci appare, sia sul piano ideale, sia nella drammaticità bellica del momento, molto significativa e certo non banale per i valori di cui sarebbe portatrice.
Cordiali saluti
Quelli di Piazza delle Monnighette
Gabriele Fava già Sindaco nel 1986/87».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.