Jesi e le Marche, una seconda Dubai

JESI – “Con molto piacere abbiamo ospitato oggi in Comune la firma di un protocollo d’intesa per realizzare, all’Interporto di Jesi, la prima “Halal free trade zone”, vale a dire la prima zona di scambio in Europa di tutta una serie di prodotti conformi agli standard islamici: dall’arredamento alla moda, dall’agroalimentare al farmaceutico – fa sapere il sindaco di Jesi Massimo Bacci sulla sua pagina ufficiale Facebook, dopo la conferenza stampa di oggi – Jesi e le Marche diventeranno dunque un ponte nei rapporti commerciali tra Oriente ed Occidente”. In pratica le merci provenienti dall’Europa e dirette ai Paesi islamici e viceversa troveranno nell’Interporto di Jesi il primo centro logistico di stoccaggio, con opportunità economiche ed occupazionali di straordinaria portata per l’intero territorio.

Grazie a questa operazione, che vedrà anche il coinvolgimento di grandi investitori arabi, è stato detto che Jesi e le Marche potrebbero diventare una seconda Dubai, vale a dire una area strategica per il commercio globale.

“In maniera meno suggestiva, ma certamente con legittimo ottimismo – dichiara il Sindaco – sarei già contento che tale operazione, assolutamente straordinaria per la sua unicità a livello europeo, generasse un significativo numero di posti di lavoro e una crescita per il territorio”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*