Jesi, emozione e ricordo alla presentazione della tappa del Giro d'Italia | Password Magazine

Festival Pergolesi

Jesi, emozione e ricordo alla presentazione della tappa del Giro d’Italia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Emozione, entusiasmo, ricordo. Queste sono le caratterizzanti della serata di presentazione di ieri della Tappa del Giro d’Italia del prossimo 17 maggio che vedrà Jesi come città di arrivo.

Sul palco e in platea sono sfilati grandi campioni dello sport legati tutti in un certo senso a Jesi: Elisa di Francisca, campionessa olimpica di Scherma, Alessia Polita, ex pilota e ora promessa dell’handbike, Daniele Bennati, ct della nazionale italiana di ciclismo, Stefano Garzelli ex ciclista e ora commentatore Rai, solo per citarne alcuni.

L’importanza della tappa, non solo dal punto di vista sportivo, si è concretamente percepita dai saluti in modalità telematica degli Assessori regionali allo sport e al Bilancio, Giorgia Latini e Guido Castelli.

Entrambi hanno sottolineato l’importanza della tappa, unica nelle Marche, che darà la possibilità di far conoscere a tutta Italia e a tutto il mondo le bellezze del nostro territorio.

S’è detto però che la serata è stata caratterizzata da una forte carica emozionale che ha pervaso tutto il teatro, unendolo nella passione e nel ricordo.

Ne è una dimostrazione l’intervento di un quasi commosso Massimo Bacci che usa la metafora del ciclista per descrivere la sua esperienza di governo della città, volta oramai al capolinea:

«Nel ciclismo un corridore piegato, fatica e si sforza al massimo per vincere la tappa. Con molti amici abbiamo corso tantissimo e stiamo vedendo il traguardo; sono contento che questo arrivo sia in rosa».

Il sindaco ricorda l’ultima tappa arrivata a Jesi del giro d’Italia, la Cervia – Jesi del 1984: «Il ciclismo è uno sport popolare e è nitido il ricordo della grande festa organizzata per festeggiare questo evento, a caratterizzare proprio come il ciclismo sia uno sport del popolo».

Grande entusiasmo per l’entrata in scena del Trofeo, portato dalla madrina della Tappa Elisa di Francisca, la quale sul palco ha anche assistito al conferimento per mano del presidente del Consiglio Comunale Daniele Massaccesi e del Sindaco Massimo Bacci, della benemerenza di ambasciatore di Jesi nel mondo al Club Scherma Jesi rappresentato dal presidente Maurizio Dellabella.

Durante la serata poi è più volte emerso il ricordo alla figura di Michele Scarponi, ciclista originario di Filottrano, vincitore del giro d’italia 2011 e scomparso prematuramente nel 2017 a causa di un incidente stradale che lo ha visto coinvolto mentre si stava allenando in preparazione al giro d’italia.

Scarponi è stato ricordato da tutti i presenti prima che per le evidenti doti da ciclista, per l’immenso uomo che era.

Alessandra Di Stefano, direttrice di Rai sport e Marino Bartoletti, storico giornalista Rai insieme a Bennati e Garzelli, in un dibattito sul finire della serata, oltre che concentrarsi su ciò che sarà questo Giro, hanno voluto soffermarsi sulla figura di Scarponi, che qui è cresciuto ed è sempre stato legato al suo territorio di origine.

Il commissario Tecnico della nazionale di Ciclismo è stato inoltre premiato da Marco Scarponi partecipante onorario della Fondazione Michele Scarponi ONLUS che si prefigge l’obiettivo di sensibilizzare in tema di sicurezza stradale.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.