Jesi fa il bis, il Palio resta in città e chiude la XX edizione | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi fa il bis, il Palio resta in città e chiude la XX edizione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La città di Jesi fa il bis e porta a casa il Palio. Grazie ad il miglior punteggio ottenuto sia alla staffetta che alla gara di tiro con l’arco, il vessillo non lascerà la città. Si chiude così questo 20° Palio di San Floriano, un’edizione entrata nella storia.

Sono stati 50 mila circa i visitatori che hanno assediato il centro in questo fino settimana, richiamati dalle numerosi attrazioni, tra giochi, competizioni agonistiche e spettacoli, e dalle invitanti proposte culinarie delle taverne.
Grazie alle presenza costante e mirata delle forze dell’ordine, di pattuglia durante le ore più critiche e affollate, nessuna rissa o caso di violenza si è manifestata durante la kermesse.

 Oltre al Comune di Jesi, i premiati di questo Palio sono anche il Comune di Filottrano per il primo posto nella corsa della campana, la gara podistica gestita dal CSI, svoltasi ieri in piazza Federico II, e il Comune di Rosora per aver vinto la competizione di tiro con l’arco storico tra Comuni, grazie all’arciere Giancarlo Ceci. A trionfare invece nel Torneo Bagnacavalli, giunto alla 6^ edizione, è Loris Possanzini di San Marcello.

Il Palio dei Quartieri è andato quest’anno alla squadra della contrada di San Benedetto, per aver raggiunto i miglior risultati nella gara del tiro alla fune, il torneo della lancia e il tiro con l’arco.

Ad essersi aggiudicati quest’anno il podio di miglior piatto tipico medievale , invece, per il terzo anno consecutivo è l’Osteria del Gatto. Vince con il piatto tipico “la bocca onta”  e con “i gioielli del re” come fanciullicus. “Il segreto del successo è nel cambiare tema ogni anno senza perdere in qualità – decreta la Giuria, composta da esperti e storici insieme al vice presidente dell’Ente Palio Matteo Giampieri – Accoglienza sopra ogni aspettativa. Ingredienti poveri ma ricchi di sapore. Apprezzata la coerenza nell’impegno sociale di formare ed educare giovani. Un viaggio emozionante nel medio evo con una chiave di lettura fantasy”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.