Jesi, Fabriano e Senigallia unite per presentare istanze a tutela dei tre ospedali

SENIGALLIA – La questione sanità nella nostra zona, ma in tutta la regione, è molto sentita. Sull’argomento, il sindaco di Jesi Massimo Bacci, accompagnato dall’assessore Marialuisa Quaglieri, si è unito al sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi e a quello di Fabriano Gabriele Santarelli per incontrare i vertici dell’Asur. Questo il resoconto del sindaco jesino.

“Nei giorni scorsi, insieme all’assessore Quaglieri, ci siamo ritrovati presso l’ospedale di Senigallia, con la Direzione di Area vasta assieme al sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi, presente anche l’assessore Carlo Girolametti, e il sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli. Presente all’incontro anche la Direzione Sanitaria con Stefania Mancinelli oltre, ovviamente, il direttore di Area vasta 2, Maurizio Bevilacqua.
Nell’occasione è stata ribadita dai presenti al Direttore di Area vasta 2 e ai suoi collaboratori la necessità di fare il punto nonché accelerare alcune questioni ancora sospese e strategiche dei tre ospedali. In particolare:
– la nomina sollecita dei prima riati per i quali si può già procedere all’individuazione del Direttore, essendo le procedure di reclutamento già espletate: Medicina e Chirurgia d’Accettazione e d’Urgenza su Fabriano, Ostetricia e Ginecologia, Pediatria e Radiologia su Jesi, nonché accelerare le procedure per la copertura dei Primariati di Medicina, Anestesia e Rianimazione su Fabriano, di Ortopedia e Cardiologia su Jesi, di Ortopedia e di Pediatria su Senigallia. Queste ultime procedure ancora in fieri.
– È stata sottolineata di nuovo la necessità di avere come Unità Complessa la Brocopneumologia in Area Vasta 2.
– Nell’incontro è altresì stata sollecitata la conoscenza dei piani occupazionali e l’acquisizione degli organici lì ove vertono settori di particolare criticità quali l’area dell’emergenza in tutti e tre gli stabilimenti nonché del personale dirigenziale della Gastroenterologia di Senigallia e quello necessario al supporto del punto nascita di Fabriano.
– Ulteriore focus è stato posto sulle tecnologie da sostituire o acquisire con sollecitudine nei tre ospedali, ciascuno con peculiari fabbisogni e specificità soprattutto nel settore della diagnostica per immagini.

Dalla articolata conversazione sono emerse ulteriori richieste orientate al miglioramento della accoglienza dei pazienti e dell’appropriatezza delle cure, da assicurarsi secondo ordini di priorità specifica.
Il nodo dell’organico sia per la componente dirigenziale che del comparto è tuttavia emerso, insieme alla copertura dei primariati vacanti, quale principale istanza manifestata dalle cariche istituzionali intervenute per i rispettivi ospedali di riferimento.
Ancora una volta una spinta fondamentale per il confronto costruttivo con l’ASUR e per presentare consapevolmente giuste istanze a tutela dei tre ospedali e dei rispettivi bacini d’utenza”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*