Jesi festeggia Chaplin

JESI La città festeggia Chaplin nel centenario della nascita del personaggio di Charlot.

“La febbre dell’oro” (1925), è il film-concerto che inaugura al Teatro Pergolesi di Jesi il cartellone del XIV Festival Pergolesi Spontini venerdì 5 dicembre alle ore 21. Timothy Brock sul podio de I Virtuosi Italiani esegue dal vivo le partiture scritte per il film muto da Chaplin. Biglietti da 5 a 30 euro.

Un capolavoro del film muto, “La Febbre dell’Oro” di Charlie Chaplin, con le musiche composte dallo stesso Chaplin eseguite dal vivo dall’ensemble de I Virtuosi Italiani e dirette da uno dei massimi esperti di musica da film al mondo,Timothy Brock, inaugura venerdì 5 dicembre Il XIV Festival Pergolesi Spontini al Teatro Pergolesi di Jesi alle ore 21.

Il Festival Pergolesi Spontini 2014 inaugura con un omaggio a Charlie Chaplin nel centenario della nascita del personaggio di Charlot, proponendo la proiezione del film e l’esecuzione dal vivo della colonna sonora di La febbre dell’oroscritto, diretto ed interpretato da Chaplin nel 1925.

Il film rivisita il mito americano della frontiera. La pellicola racconta le peripezie tragicomiche e sentimentali dell’omino vagabondo ai tempi della corsa all’oro nel Klondyke.  E’ uno dei più omogenei tra i film lunghi di Chaplin: il tragico s’incorpora nel comico, le scene più buffe sono anche quelle dove la drammaticità si fa più intensa, sullo sfondo di un’Alaska inventata, ma più vera del vero. E il solo suo film in cui la natura e il caso hanno un peso maggiore che la società e gli uomini. Sebbene il tema centrale sia la lotta per la sopravvivenza, visivamente prevale a poco a poco quello della solitudine, come rivelano le ripetute situazioni estatiche. Molte le sequenze celebri tra cui, celeberrima, la danza dei panini.

lesi Spontini prosegue fino al 20 dicembre a Jesi, Loreto, Maiolati Spontini, Montecarotto, San Marcello, in un percorso multidisciplinare che abbina musica, cinema, poesia e letteratura con solisti internazionali e artisti di riferimento nei vari generi. Il XIV Festival, dal titolo “Olimpie e Olimpia. Competizione e cimento in musica e non solo”, si collega al riconoscimento di Jesi di Città Europea dello Sport 2014, ed approfondisce nei suoi numerosi eventi i temi del virtuosismo delle voci e degli strumenti, la tensione verso il superamento dei limiti dell’interprete che è propria sia degli artisti che degli sportivi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*