Jesi Futura guarda avanti, verso una città migliore e più vivibile | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Jesi Futura guarda avanti, verso una città migliore e più vivibile

JESI – L’associazione Jesi Futura invia le proprie riflessioni e proposte per migliorare la vita in città:

“Stando alle vicende delle ultime settimane ci viene da dire che il Partito democratico jesino sembra un corpo senza testa. Dall’altra parte, l’Amministrazione Comunale, da l’impressione di essere una testa senza corpo. Forse le due parti si potrebbero unire visto che il sindaco Bacci è stato un buon collaboratore del sindaco Belcecchi. Di fronte a questa situazione i cittadini e le varie Associazioni devono riprendere a discutere sullo stato, quasi pietoso, della città e del suo futuro. Noi riteniamo di dover iniziare questo percorso di discussione e di conoscenza con tutti coloro che vogliono operare per una città più vivibile, migliore, che guardi avanti e non solo all’ordinaria e quotidiana amministrazione ma anche e soprattutto per individuare e far crescere validi Amministratori che non si inventano dall’oggi al domani. Fintanto sosteniamo le nostre priorità

SERVIZI SANITARI – OSPEDALE Carlo Urbani e ex OSPEDALE di viale della Vittoria. Da mesi i cittadini si lamentano del fatto che molti servizi offerti nel nuovo Ospedale non corrispondono alle esigenze sia in fatto di organizzazione che di strutture. Da mesi il Tribunale per i diritti del Malato ha evidenziato le problematiche ed anche avanzato proposte per le soluzioni. In altrettanto tempo le risposte sono state immediate ma solo sulla carta. Perché al Pronto Soccorso non è accaduto nulla, la mensa è rimasta nella struttura del viale della Vittoria e nessun bando per l’assegnazione della gestione, che scadrà a fine anno, è stato pubblicato. Insomma ai cittadini si danno risposte a caldo per tranquillizzare ma poi nei fatti servono mesi per dare il via ad una soluzione  e tutto era e tutto è. Come la vecchia struttura del Viale della Vittoria in completo stato di abbandono e forse anche peggio. Invitiamo ancora una volta il Sindaco Bacci, massima autorità sanitaria locale, a battere i pugni ed alzare la voce affinché agli jesini venga consegnato finalmente quello che tutti chiamano Ospedale Modello ma che in realtà è tutt’altra cosa e motivo di  diatriba quotidiana.

SICUREZZA – Potenziare il controllo del territorio anche attraverso il dialogo per una cultura della sicurezza e dell’integrazione ma non a senso unico. Chi vive la nostra città deve rispettarne le regole ed i comportamenti. Devono essere presi sul serio dei provvedimenti anti accattonaggio il quale sta aumentando a vista d’occhio come se fossimo di fronte ad una vera e propria  organizzazione. I vigili urbani devono vigilare il territorio segnando tempestivamente a chi di competenza tutte le criticità e pericolosità che esistono a livello buche, strade pericolose, segnaletica verticale ed orizzontale non efficiente, parchi sporchi ed erbacce.

SCUOLE – Manutenzione straordinaria ed ordinaria dei plessi scolastici prima dell’inizio del nuovo anno. In molti istituti, specialmente di scuola materna ed elementare, manca tutto il necessario per ciò che riguarda la didattica e le semplici funzioni. Priorità assoluta alla riapertura di tutte le sedi del complesso Lorenzini

CULTURA –  Apertura del Museo Archeologico, del Museo Colocci. Recupero del chiostro di Sant’Agostino. Mantenimento e piena autonomia della Fondazione Colocci oltre al potenziamento dei corsi universitari.

LAVORI PUBBLICI – Considerata la situazione giornaliera in alcune zone della città la progettazione e la realizzazione degli assi Nord e Sud non può essere più rimandata. La manutenzione di strade e marciapiedi non può continuare ad essere fatta mettendo pezze sopra pezze (come visto negli ultimi giorni lungo il Viale della Vittoria e in via XX Settembre con risultati sotto gli occhi di tutti) ma necessita di interventi chiari, strutturali, precisi e duraturi che negli anni consideri tutto il territorio cittadino. Prolungamento non più rinviabile del viale della Vittoria in uscita verso nord all’incrocio con viale Cavallotti.

 

AMBIENTE – Il trasferimento della raccolta rifiuti speciali da Campo Boario a nuovo sito fuori città è diventato una priorità improcrastinabile. Vanno anche stabilite delle priorità in quelle lottizzazioni  dove sono stati rilasciati i permessi ad abitare ma le opere di urbanizzazione sono all’anno zero. In alcune di esse da decenni non viene effettuata la raccolta differenziata porta a porta, non esiste nessun tipo di manutenzione, i cittadini hanno solo il dovere di pagare le tasse oltre ad osservare inerti il proliferare di ratti e sporcizia. E’ giusto pensare alle piste ciclabili, all’ambiente sostenibile ma è anche giusto intervenire in pieno centro cittadino e non solo a pulire e disinfettare quello che al momento sono discariche a cielo aperto.

 

REFERENDUM ISTITUZIONALEL’Associazione invita alla partecipazione al referendum schierandosi per il NO!

Comunicato da: Jesi Futura

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.