Jesi, il Centro prevenzione della Croce Rossa a servizio dei «codici bianchi» | Password Magazine

Jesi, il Centro prevenzione della Croce Rossa a servizio dei «codici bianchi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Croce Rossa Jesi

JESI – Riapre al pubblico il Centro Prevenzione «S.lla Gabrielli» di via Cavour con servizi di piccola medicazione rivolti alla comunità. Da sempre centro rivolto alla terza età grazie al corpo di Infermiere volontarie CRI, la sede diventa ora punto di riferimento per la gestione dei cosiddetti “codici bianchi”.

«Per diminuire la pressione sul Pronto soccorso e dare un aiuto ai medici di famiglia, anche loro impegnati nell’emergenza – fa sapere il presidente del Comitato Croce Rossa di Jesi dr Francesco Bravi  -, per due giorni alla settimana la sede resterà aperta a servizio di chi necessita di prestazioni sanitarie riconosciute come ‘non urgenti’». Il dott. Paolo Crognaletti e il dott. Nazzareno Santoni saranno a disposizione dei pazienti, dalle 9 alle 12, insieme al corpo delle infermiere volontarie di Jesi: «Il servizio è gratuito, chi vorrà potrà fare un’offerta all’associazione».

All’inaugurazione del servizio, presenti anche il vice presidente della Croce Rossa di Jesi Cristiano Giaccaglia, il presidente CRI Marche Andrea Galvagno, l’Ispettrice Regionale delle II.VV. Carmen Gregoretti, l’Ispettrice Locale Serenella Olivieri nonché il sindaco Massimo Bacci e l’assessore alla Sanità Marialuisa Quaglieri.

20210210_120546~2
La consegna del riconoscimento a Katia Sdrubolini (Bolle di Sapone) da parte del presidente CRI Jesi Bravi. Presente l’assessore alla Sanità Quaglieri ( a sinistra), a destra il sindaco Bacci. 

Il Primo cittadino, in particolare, ha sottolineato come il Carlo Urbani sia sottopressione per il numero elevato di pazienti covid, annunciando però di aver chiesto alla Regione di conoscere la situazione anche degli altri ospedali per avere un quadro preciso dell’emergenza. «C’è da chiarire un aspetto – aggiunge l’assessore Quaglieri -. Al momento i ricoverati covid sono circa il 30% del totale. Nonostante le difficoltà, l’ ospedale di Jesi non ha mai smesso di offrire prestazioni anche ai pazienti non covid».

20210210_120602
La consegna del riconoscimento a Caffè Imperiale
20210210_120620
La consegna del riconoscimento a Il Frutteto
20210210_120651
La consegna del riconoscimento a Luca Ubaldi
All’occasione, Croce Rossa ha ringraziato, con dei riconoscimenti, le aziende benefattrici che hanno messo servizi e professionalità a servizio dell’associazione, mostrando grande sensibilità in questo periodo di emergenza: si tratta di Lavanderia Bolle di Sapone di Katia Sdrubolini e Luca Cardinali, Caffè Imperiale, Luca Ubaldi e Il Frutteto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.