Jesi in Comune, bilancio di un anno: «Dodici mesi di proposte bocciate dalla maggioranza»

JESI  – Tempo di bilanci per Jesi in Comune ad un anno dall’ingresso in Consiglio comunale. Il gruppo consiliare di minoranza fa il punto sulle attività svolte in questi primi 12 mesi di attività, in aula e fuori.

«Un anno ricco e denso – riferisce alla stampa Paolo Girolimini di Jesi in Comune, il primo a prendere la parola di fronte ai giornalisti – Continueremo ad impegnarci, con trasparenza, agendo con le pratiche in consiglio, svolgendo attività in sede e puntando sulla comunicazione, tramite social network, comunicati stampa, blog e incontri pubblici, promossi e partecipati».

L’occasione è buona per gli esponenti della minoranza politica anche per togliersi qualche sassolino dalla scarpa nei confronti dell’Amministrazione: «Dodici mesi di proposte respinte e chiarimenti mancati. Ma in fondo il ruolo dell’opposizione è anche quello di rivelare che il “il re è nudo”».

La consigliera Agnese Santarelli interviene ponendo un occhio di attenzione sul metodo adottato dall’Amministrazione: «Sembra che tutto ciò che proviene dalla nostra parte politica debba essere bocciato a prescindere. Al contrario, noi dell’opposizione abbiamo votato positivamente alcune delle proposte arrivate dai gruppi di maggioranza». Tra le mozioni respinte, la sosta gratuita in tutte le aree a pagamento per i vicoli di contrassegno per gli invalidi e l’adesione all’appello “Mai più Fascismi”.

Preoccupa «l’assenza del ruolo politico del sindaco sulle questioni riguardanti la sanità» e la questione “Ostello”, su cui Jesi in Comune interverrà con una mozione nel prossimo Consiglio comunale. Sul destino di Villa Borgognoni, la Santarelli si domanda se «Bacci abbia seriamente preso in considerazione proposte alternative» piuttosto che «destinare un edificio storico ottocentesco e tutelato dalla Soprintendenza ad accogliere gli uffici dell’ASP» allontanandolo dalle finalità culturali. Propone in sostituzione, piuttosto, Palazzo Honorati-Carotti. O il rischio è di andare incontro ad «una scelta scellerata». Del resto neanche la Cultura viene risparmiata: «Manca una visione di insieme delle politiche culturali di questa città – aggiunge il presidente di Jesi in Comune Filippo Cingolani – Si mette mano al portafogli però quando c’è da spendere 36 mila euro all’anno per il Museo Federico II o quando si deve andare a coprire il buco della Fondazione Pergolesi Spontini. Dove è finita la passione dell’assessore Butini per il cinema sbandierata sei anni fa?». Jesi in Comune fa sapere che, a suo modo, ha cercato di contribuire alla valorizzazione di una cultura cinematografica in città, grazie anche alle rassegne organizzate al Piccolo di San Giuseppe: «I paesi limitrofi ci danno due giri…basti pensare ad iniziative come Castelbellino Arte, che ogni anno propone cinema all’aperto e pellicole di grandi autori». E poi: «Veramente la cultura di Jesi Estate si riduce a shopping, aperitivi e cene nei ristoranti? Secondo me ci vuole coraggio a chiamare questo cultura…». Jesi In Comune fa sapere anche di aver offerto, nel corso di questo anno, una risposta agli studenti  «aprendo una sala studio all’interno della propria sede in via Franciolini aperta negli orari di chiusura della biblioteca comunale, per non lasciare fasce scoperte». Sulla riduzione dell’orario dell’Ufficio Turismo, interviene il consigliere comunale Samuele Animali: «Ma la tassa di soggiorno?». E aggiunge: «Troppe volte ci viene risposto che non ci sono i soldi. Ma io dico, non è vero. Se andiamo a vedere, si stanno spendendo circa 650 mila euro sull’installazione di telecamere e ancora non conosciamo a quanto ammonteranno i costi di manutenzione. Le risorse ci sono, è solo una semplice questione di priorità. E le priorità appartengono alle scelte politiche. Spostare statue, finanziare il museo Federico II non sono l’urgenza. Eppure c’è questo metodo di dare “risposte immediate” solo quando ci si trova davanti l’emergenza, come nel caso del Ponte San Carlo o della scuola Lorenzini. Le stesse che vengono spacciate come conseguenza di decisioni prese da giunte precedenti, colpevoli di non aver fatto abbastanza. Senonché la Giunta precedente stavolta è quella di Bacci».

Questa sera Jesi in Comune festeggerà con una cena, con oltre cento invitati, il primo compleanno: tra le prossime iniziative,  dopo aver preso parte alla manifestazione di Fermo, per ribadire il no a razzismo e xenofobia, Jesi in Comune aderisce all’appello lanciato da don Ciotti e da altre realtà associative come Arci, Legambiente, Libera e Anpi indossando domani, sabato 7 luglio, una maglietta o un indumento di colore rosso. Rosso come le magliette che indossano i bambini che muoiono in mare e che a volte il mare riversa sulle spiagge del Mediterraneo.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*