Jesi in Comune, cena e spettacolo da Pepito | | Password Magazine
Lulù  

Jesi in Comune, cena e spettacolo da Pepito

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Jesi in Comune organizza per mercoledì 15 marzo, ore 20, una cena spettacolo al ristorante Pepito di via Ugo La Malfa a Jesi. Alla cena di raccolta fondi promossa dal comitato politico seguirà lo spettacolo “Mi firmo compagno Giulio”. Il costo della serata è di 20 euro, e prevede un assaggio di primi, pizza a spicchi, bevande e l’ingresso allo spettacolo. Necessaria la prenotazione ai numeri 3485255661 (Filippo) o chiamando direttamente il ristorante allo 0731213480 entro il 13 Marzo. E’ possibile richiedere un’alternativa vegetariana al momento della prenotazione.

Lo spettacolo. Prodotta nel 2014 dall’associazione “Fuori dalle vie maestre” (organizzatrice anche della manifestazione “In bicicletta sulla Linea Gotica – La staffetta della memoria”), la rappresentazione è incentrata sulla storia dello jesino Giulio Coltorti, classe 1923. Narrazioni, immagini d’epoca e canzoni, di cui un paio scritte per l’occasione, per restituire basandosi su appunti, diari e  testimonianze la storia del partigiano jesino. Vicende per molti aspetti analoghe a quelle di molti suoi coetanei, passati dallo sfacelo dell’8 settembre alla lotta armata contro i nazifascisti. Lo spettacolo è uno scorcio cruciale della nostra storia, seppure osservata da un punto di vista “locale”  dalla tragedia della guerra fascista all’adesione alla lotta partigiana. E poi le battaglie, l’arresto, il carcere, le torture.   Giulio Coltorti si arruola dubito dopo nel Corpo Italiano di Liberazione e continua a combattere  fino alla primavera del 1945.  E poi ancora altre storie, che si prolungano fino agli anni altrettanto duri dell’immediato dopoguerra, che non escludono ancora ristrettezza, difficoltà e, non ultimo, l’emigrazione in Sud America. “Fuori dalle vie maestre” con questo spettacolo ha voluto recuperare storie piccole, locali, talvolta anche individuali che rischierebbero altrimenti l’oblio, restituendole al pubblico all’interno delle cornici storiche in cui accaddero. Lo spettacolo vede protagonisti il nipote del partigiano Giulio, Francesco Coltorti (canto e chitarra), Lorenza Gattini (voce recitante), Martina Paccova (violino), Emiliano Pede (piano e charango), Doriano Pela (voce narrante e chitarra), Andrea Meschini (immagini); Matteo Stronati e Roberto Franchi (mixer audio), Leonardo Martellini e Giuseppe Mazzara (mixer video).

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.